Un addio a Carlo Azeglio Ciampi

In questo Paese, dove lo stravolgimento dei nomi è consuetudine politica costante, per cui è illibertario ciò che viene chiamato libertà e antidemocratico ciò che viene chiamato democrazia, viene...

In questo Paese, dove lo stravolgimento dei nomi è consuetudine politica costante, per cui è illibertario ciò che viene chiamato libertà e antidemocratico ciò che viene chiamato democrazia, viene da rimpiangere ogni volta la dipartita dei vecchi dirigenti e statisti anche liberisti che hanno attraversato la vita del Paese.
E’ così che salutiamo Carlo Azeglio Ciampi. Nulla ci legava alla sue idee, soprattutto in politica economica: lui banchiere, ministro delle finanze e del tesoro, liberale.
Istituì nuovamente la parata militare del 2 giugno, ed anche questo è un atto che ci ha tenuto lontanissimi da lui anche come Presidente della Repubblica, restaurando una concezione muscolare di una data che, invece, dovrebbe essere di solidarietà sociale.
Rifiutò di svolgere un secondo mandato, a differenze di un suo successore che pure proveniva da fila più di sinistra di lui (se così si può dire…).
E, più indietro nel tempo, rifiutò di aderire alla Repubblica di Salò e divenne partigiano nelle fila del Partito d’Azione. Basta questo per salutarlo oggi come uomo, come combattente per una libertà allora negata e la cui negazione, ancora oggi, molti sognano in nome di maggiore governabilità.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...
  • 100 contro 520

    E’ la fine di un luglio ovviamente caldo: dalle nostre case alle caserme sequestrate, fino ai casotti, le casematte, quei centri di accoglienza che diventano l’esatto contrario del loro...