Ricordatevi di disobbedire

Non mi va festeggiare un 8 marzo che è svilito dalla merceologia, dalle vendita delle mimose, dai cuoricini rossi dedicati dai maschi alle femmine, dagli uomini alle donne, da...

Non mi va festeggiare un 8 marzo che è svilito dalla merceologia, dalle vendita delle mimose, dai cuoricini rossi dedicati dai maschi alle femmine, dagli uomini alle donne, da donne a donne.
Non mi va festeggiare una festa che è un simbolo di rivendicazione di diritti civili e sociali solo per pochi, mentre per molti è solo il pretesto per festeggiare al ristorante per rispettare una cosa orrenda come la “tradizione”.
Per questo penso che il miglior modo per ricordare che voi maschi picchiate, sfruttate e sottomettete le “vostre” donne sia quello di riascoltare le parole di questa canzone di Ermal Meta:



“Ricorda di disobbedire”, ragazza, donna, anziana.
Ricordatevi di ribellarvi sempre alla violenza, alla sopraffazione, anche solamente verbale.
Chi vi insulta, chi vi picchia non ama. Possiede.
E la possessione va oltre il semplice maschilismo, il patriarcalismo, è un fenomeno disumano, alienante: è, in fondo, il principio della proprietà privata che sta alla base della società in cui continuiamo a vivere e a disobbedire.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...