My name is potato?

“My name is Potato”, cantava Rita Pavone nell’ormai lontano 1977. E faceva cenno all'”accento un po’ straniero dell’americano impero”. Ora si scopre che il celebre tubero sarebbe invece originario...
Rita Pavone e la Patata

“My name is Potato”, cantava Rita Pavone nell’ormai lontano 1977. E faceva cenno all'”accento un po’ straniero dell’americano impero”.
Ora si scopre che il celebre tubero sarebbe invece originario dell’Asia.
La canzone non si può cambiare e, del resto, era carina da canticchiare.
E poi… anche noi che pensiamo di essere europei, italiani, siamo in realtà tutti originari della zona del Corno d’Africa… Ma vallo a dire ai nuovi nazionalisti di oggi… sia della patata originale americana, sia di chi si scopre italiano per governare il Paese.

(m.s.)

foto: screenshot dal video “My name is Potato”

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Porte chiuse

    Stando così le cose, un “Libro bianco” sulla diffusione dell’epidemia da Covid-19 sarà necessario. Come ai tempi del G8 di Genova. Il problema sono sempre i fatti, che hanno...
  • La soglia del “voto”

    Se solo fosse possibile mostrare con grande semplicità, con una comunicazione diretta, immediata le enormi ingiustizie che i popoli subiscono ogni giorno da parte dei potenti al servizio di...
  • Gli imbecilli oltre il capitale

    Va bene, il capitalismo tutto contiene, tutto influenza, tutto produce e condiziona. Ma l’imbecillità di chi continua a negare che il Covid-19 sia una pandemia, minimizzandola, riducendo il tutto...
  • Imprenditori, sfacciati sfruttatori

    In decenni e decenni di defiscalizzazioni, deregolamentazioni e semplificazioni normative, nonché in un ultra trentennale disposizione di tante categorie economiche e imprenditoriali di medio di grande stampo, la cumulazione...