Loro, lui e Leopolda

Leopolda. Era un bel nome prima. Un po’ pomposo, altisonante, ma elegante, bello, non cacofonico. Poi, là alla stazione, non è stato più così… E ora, dopo otto anni,...

Leopolda. Era un bel nome prima. Un po’ pomposo, altisonante, ma elegante, bello, non cacofonico.
Poi, là alla stazione, non è stato più così…
E ora, dopo otto anni, arrivano i giovani rampanti, quelli che “lui è così intraprendente”, “l’uomo del fare”.
L’ho letto sui giornali: sotto alle belle foto di giovani tutti sorridenti, le didascalie con frasi ad effetto, estrapolati di discorsi o pensieri per Leopolda, per lui.
E ho provato un qual certo imbarazzo. Per loro. Non per lui.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...