L’arte di saperla comunicare

A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...
Philippe Daverio

A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava l’arte in televisione facevano benissimo il paio con il sapore di antico di cui si vestiva ma che, allo stesso tempo, era abbagliante per la sua modernità. Perché la vera eccentricità è parte del proprio modo d’essere e non la si può fabbricare. Nemmeno ad arte.

Philippe Daverio se ne va a soli 70 anni, dopo aver divulgato la bellezza, l’armonia, la spigolosità e anche la durezza di tante opere che sono cultura, anche borghese, spesso ossequiosa verso il potere, ma che soprattutto esprimono il più recondito, intimo sentimento dell’artista, del creatore, dell’immagine mentale che diventa concreta e reale e passa nei secoli. Diventa simbolo conosciuto e riconosciuto.

Spiace davvero tanto per la morte di Daverio. Perché accanto a storia e scienza, l’arte è quel tocco di esaltazione visiva delle coscienze che, altrimenti, resterebbero solo prigioniere dell’introspezione, del silenzio o di cronachistici racconti.

(m.s.)

foto di Lelli e Masotti tratta da Wikimedia Commons / Flickr su licenza Creative Commons 2.0

categorie
Lo stiletto



per il manifesto

sosteniamo

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Compassione

    Beppe Grillo ha chiesto di iscriversi per la seconda volta al PD, dopo le dimissioni di Zingaretti. Adesso mi viene persino da provare un po’ di compassione per i...
  • Topolino, Dante e Socrate

    Peggio al quadrato. Forse al cubo. Eh sì, la lista dei sottosegretari del governo Draghi è, almeno apparentemente, più insidiosa in quanto a pericolosità anti-culturale e anti-sociale di quel...
  • Io e voi

    Draghi mette le mani è avanti: mai stato così emozionato come oggi in Senato. Sarà per quello che gli scappano alcuni lapsus. Ma il più clamoroso è questo: «Siamo...
  • Sei a rischio?

    Secondo moduli ministeriali, ereditati dalla Asl 5 di La Spezia, tra i primi ad essere vaccinati ci saremmo noi omosessuali. Categoria a rischio per comportamenti a rischio… Tipo votare...