La musicalità del “greco”

Ἐλέφαντα ἐκ μυῖας ποιεῖς. Pare che sei maturandi su dieci nei licei classici della Repubblica siano in lutto. Si sono parati a nero per via del fatto che gli...

Ἐλέφαντα ἐκ μυῖας ποιεῖς.

Pare che sei maturandi su dieci nei licei classici della Repubblica siano in lutto. Si sono parati a nero per via del fatto che gli toccherà affrontare la versione di greco antico alla prossima prova dell’esame di Stato.
Li capisco. Ho avuto anche io un rapporto di amore e odio con la lingua greca: amavo di più la lingua di Virgilio e riuscivo meglio nelle traduzioni tanto della facile sintassi di Cesare quanto in quella più complicata di Cicerone o di Tacito.
Però la lingua greca è uno stimolo ulteriore a fare meglio, ad esercitarsi maggiormente con una musicalità che il latino comunica meno.
Provate a viverla così, ragazze e ragazzi: con la leggerezza forte della bellezza dei suoni. Leggete alcune tragedie greche e la troverete tutta questa armonia.
Non vestitevi a lutto. Magari nemmeno a festa. Ma state tranquilli: con un po’ di pratica in questi mesi (partendo da Senofonte e passando magari anche per Tucidide e per il meno frequentato geografo Strabone) riuscirete ad individuare tutta quella musica e a sopportare il peso del grande “Rocci”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...
  • Tradimenti

    La crisi economica e la guerra per Draghi non debbono essere delle scuse per tradire gli obiettivi sul grande sogno europeo sul contenimento delle emissioni di Co2. Ha ragione,...
  • Schwa

    Anche la lingua italiana merita rispetto. Lo (o la) “schwa” è un non senso grammaticale, è un vezzo modernista che non risolve il problema del presunto maschilismo fonetico, grafico...