Il “ministro” di dio

In tutta l’ipocrisia regnante nelle visite dei capi di Stato ad altri capi di Stato, spicca la genuina spontaneità del papa. Francesco, che è persona estremamente intelligente sul piano...

In tutta l’ipocrisia regnante nelle visite dei capi di Stato ad altri capi di Stato, spicca la genuina spontaneità del papa. Francesco, che è persona estremamente intelligente sul piano teologico quanto sul piano politico, ha digrignato il viso quando ha incontrato Trump. Pochi sorrisi, dunque, cordialità di prammatica e, colpo di genio, il regalo: l’enciclica sull’ambiente.
Ci sono molti modi per dare messaggi ai propri avversari, anche ai propri nemici. Francesco sarebbe un ottimo ministro degli esteri della Repubblica Italiana. Forse anche un buon capo di governo.
Che ne dite… torniamo allo Stato della Chiesa?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...