Guardare o godere

Strisce pedonali in tre dimensioni, pavimenti che diventano “intelligenti” e sanno dove andiamo, future automobili aeree in America e cento altre novità più o meno tecnologiche stanno per invadere...

Strisce pedonali in tre dimensioni, pavimenti che diventano “intelligenti” e sanno dove andiamo, future automobili aeree in America e cento altre novità più o meno tecnologiche stanno per invadere il campo dell’attrattiva e del mercato. Stimoli per rendere ancora migliore la vita di tutti. O quasi. Perché c’è sempre quell’elemento da tenere ben presente: il capitalismo non mette a disposizione di tutti un bene creato grazie all’intelligenza umana.
Lo mette sul mercato e chi può se lo gode, chi non può se lo guarda.
E tra guardare e godere c’è la stessa differenza che passa tra il vincere le elezioni siciliane e guardare chi le ha appena vinte pur essendo il primo partito dell’isola.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...