Grandi manovre per reintrodurre i voucher

I ticket ritornano?. I centristi di Alfano premono sul Pd, mentre Mdp è contrario e minaccia di togliere il sostegno al governo Gentiloni. Salta l'incontro con i sindacati. Cgil: «Pronti al ricorso in Cassazione»

L’attacco alla «manovrina» è pronto, con diversi emendamenti. I più insidiosi vengono ovviamente dal fronte di Ap, il partito di Alfano e Sacconi, tradizionalmente aperto alla precarizzazione selvaggia. Ma anche nel campo del Pd, per quanto si sia definito il principio di distinguere le famiglie dalle imprese, è forte la tentazione di far rientrare dalla finestra quanto è uscito dalla porta: i famigerati voucher.

Mdp, il partito della scissione dal Pd, è contrario all’inserimento dei nuovi strumenti – sostitutivi di quelli soppressi dalla recente legge in risposta al referendum Cgil – all’interno della manovra di correzione dei conti che dovrà essere approvata entro il 23 giugno.

Lunedì prossimo avrebbe dovuto tenersi un incontro con i sindacati, che però è stato rinviato sine die: e non si è ancora capito se il governo punterà su una precisa proposta, che avrebbe dovuto prima passare al vaglio di Cgil, Cisl e Uil (e soprattutto della Cgil, proponente il referendum), o se lascerà fare – come sembra prevalere dal dibattito delle ultime ore – il Parlamento. Con le necessarie ragioni di equilibrio tra Pd e Ap, e la minaccia che Mdp lasci la maggioranza: giovedì il partito di Speranza – disertando la riunione con gli alleati – aveva spiegato che il nodo è ritenuto «dirimente» per proseguire nel sostegno a Gentiloni.

Tra gli emendamenti, c’è ad esempio quello di Incerti (Pd), sottoscritto anche dal presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano, che propone di introdurre un «libretto famiglia»: il limite annuo si porrebbe tra i 2 mila e i 2500 euro per lavoratore.

Ma poi c’è il nodo imprese, su cui insistono molti emendamenti: Ap vorrebbe reintrodurre uno strumento per tutte le dimensioni, mentre chi ci va più cauto vorrebbe limitare i nuovi voucher alle imprese sotto i 5 dipendenti, con un tetto di reddito a 5 mila euro annui e una sorta di «contrattualizzazione» (un po’ come avviene per il lavoro a chiamata) o comunque una tracciabilità.

La Cgil però è stata netta: se si reintroducesse uno strumento per le imprese, piccole o grandi che siano, si ricadrebbe negli abusi dei vecchi voucher, e il sindacato si riappellerebbe alla Cassazione. Il governo «dia parere negativo sugli emendamenti» – ha chiesto ieri Susanna Camusso – sollecitando «un incontro con il sindacato prima di qualsiasi decisione».

RED. ECO.

da il manifesto.it

foto tratta da Pixabay

categorie
Mondo lavoro



per il manifesto

sosteniamo

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli