Gli “impuniti”

Peggio di noi solo Brasile ed Israele. Così ne esce la scuola italiana in un rapporto in merito al rispetto degli insegnanti da parte degli studenti. Un tempo a...

Peggio di noi solo Brasile ed Israele. Così ne esce la scuola italiana in un rapporto in merito al rispetto degli insegnanti da parte degli studenti. Un tempo a Roma li chiamavano “impuniti”, nel gergo popolar-dialettale.
Ed ora domandiamoci pure dove abbiamo sbagliato noi che studenti lo siamo stati e che forse un po’ più rispettosi lo eravamo.
Forse si percepiva ancora un senso comune, una sorta di coinvolgimento singolo in un tutto in cui facevi la tua parte, trasgredivi anche qualche regola, ma poi formalmente dovevi il rispetto alla persona se non proprio all’istituzione che magari un giorno avresti anche giudicato “borghese”.
Non è ribellismo, non è coscienza critica che emerge: è maleducazione, quindi cattiva educazione al rispetto dell’altro da noi. Qualcosa di molto evangelico, dunque sociale, dunque socialista.
E, si sa dai tempi di Rosa Luxemburg: “Socialismo o barbarie”. Secondo voi dove stiamo?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...