Chi è più “moderno”?

Non è più moderno di noi chi propone l’abbandono delle idee di giustizia sociale e di uguaglianza che non hanno trovato concretizzazione in un secolo e mezzo di lotte....

Non è più moderno di noi chi propone l’abbandono delle idee di giustizia sociale e di uguaglianza che non hanno trovato concretizzazione in un secolo e mezzo di lotte.
Non è più moderno di noi chi ci propone l’equiparazione tra “ragazzi di Salò” e partigiani.
Non è più moderno di noi chi sceglie come unica forma di esistenza politica quella del raggiungimento del governo del Paese e, per farlo, è pronto ad ogni compromissione.
Non è moderno chi nega le classi sociali ma è, anzi, molto antico: molto legato alla “reazione” di novecentesca memoria.
Non è moderno il moderato, ma è moderno chi fa l’opposto di tutto ciò.
E’ moderno essere comuniste e comunisti.
E’ moderna la “rifondazione comunista”.

(m.s.)

foto di Marco Sferini

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Ma è solo una pacca sul culo…

    Non è peggio, ma sembra esserlo: il chiedere scusa, il ridimensionare quel gesto, farne una sorta di estemporaneità comportamentale, come se una violenza fisica fosse riconducibile ad un ambito...
  • Ceto medio tax

    Ci speri per un attimo. Che il taglio delle tasse, per una volta, sia – se non proprio di matrice progressista (cosa del resto impossibile con un governo come...
  • Per l’obbligo vaccinale

    Forse è venuto il momento di rivendicare anche i diritti di noi vaccinati. Di persone che, con storie diverse – come è ovvio – ma con un identico fine,...
  • “…potranno trovare applicazione…”

    La direttiva del ministro Lamorgese, che è direttiva del governo intero (a meno che non sia stata contestata, smentita o criticata senza che lo si sia saputo), è un...