75 anni fa, il raccolto della Resistenza

75 anni fa i fascisti fucilavano i fratelli Cervi. La Resistenza si nutriva di un primo grande sacrificio che è diventato emblema del riscatto del popolo italiano contro l’ottenebramento...
I sette fratelli Cervi con le mogli e al centro il padre Alcide e la madre Genoveffa

75 anni fa i fascisti fucilavano i fratelli Cervi.

La Resistenza si nutriva di un primo grande sacrificio che è diventato emblema del riscatto del popolo italiano contro l’ottenebramento delle menti, l’immiserimento delle vite, lo sfruttamento tanto delle coscienze quanto delle forze materiali.

La Resistenza diventava l’antitesi della guerra: una dura necessità per contrastare la dittatura, per mettere fine al fascismo di Benito Mussolini e all’occupazione tedesca.

La libertà mancava come può mancare l’aria in un ambiente angusto, buio, nero.

Ed oggi, a 75 anni di distanza, quando generazioni di italiani avrebbero dovuto apprendere cosa vuol dire rimanere privi della libertà, troviamo al governo forze politiche che agiscono proprio ridimensionando ogni giorno i diritti costituzionali, eredità morale, civile, politica e sociale della Resistenza antifascista, del sacrificio dei figli di Alcide.

Mi verrebbe da dire: “Fermatevi a pensare”. Ma invece occorre non fermarsi e allo stesso tempo continuare, o riprendere, a pensare.

E se non conoscete la storia dei sette fratelli, cominciate da questa pagina di Wikipedia e poi approfondite magari ascoltando la canzone dei “Mercanti di Liquore” (con Marco Paolini) o il ricordo di Maria Cervi.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Prima Gallera e mo’ ratti

    Ma di cosa vi meravigliate? Del fatto che l’assessore alla sanità della Regione Lombardia invochi il legame tra Prodotto interno lordo e numero di vaccini da poter somministrare alla...
  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...