75 anni fa, il raccolto della Resistenza

75 anni fa i fascisti fucilavano i fratelli Cervi. La Resistenza si nutriva di un primo grande sacrificio che è diventato emblema del riscatto del popolo italiano contro l’ottenebramento...
I sette fratelli Cervi con le mogli e al centro il padre Alcide e la madre Genoveffa

75 anni fa i fascisti fucilavano i fratelli Cervi.

La Resistenza si nutriva di un primo grande sacrificio che è diventato emblema del riscatto del popolo italiano contro l’ottenebramento delle menti, l’immiserimento delle vite, lo sfruttamento tanto delle coscienze quanto delle forze materiali.

La Resistenza diventava l’antitesi della guerra: una dura necessità per contrastare la dittatura, per mettere fine al fascismo di Benito Mussolini e all’occupazione tedesca.

La libertà mancava come può mancare l’aria in un ambiente angusto, buio, nero.

Ed oggi, a 75 anni di distanza, quando generazioni di italiani avrebbero dovuto apprendere cosa vuol dire rimanere privi della libertà, troviamo al governo forze politiche che agiscono proprio ridimensionando ogni giorno i diritti costituzionali, eredità morale, civile, politica e sociale della Resistenza antifascista, del sacrificio dei figli di Alcide.

Mi verrebbe da dire: “Fermatevi a pensare”. Ma invece occorre non fermarsi e allo stesso tempo continuare, o riprendere, a pensare.

E se non conoscete la storia dei sette fratelli, cominciate da questa pagina di Wikipedia e poi approfondite magari ascoltando la canzone dei “Mercanti di Liquore” (con Marco Paolini) o il ricordo di Maria Cervi.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...
  • Il sorriso di Alex

    Alex Zanardi ha messo tutto sé stesso negli sport che ha praticato. Sport veloci, dove l’adrenalina si fa sentire, dove la libertà si esprime proprio nell’accelerazione, nel distacco dalla...