Un applauso ad Ermal Meta

Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha...
Ermal Meta

Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha rimarcato come sia necessario scrivere in un buon italiano, non disarticolare e distruggere la grammatica della nostra lingua. Rispettarla per rispettare le emozioni che la musica, attraverso anche le parole, può e deve dare.
Bravo Ermal!

(m.s.)

foto: screenshot televisivo di autorealizzazione

categorie
Lo stiletto



ecosocialismo

altri articoli

  • Priorità

    La Germania corre ai ripari per il gas, l’Italia si dibatte sulla sopravvivenza o meno del governo Draghi. Ognuno, è drammaticamente vero, ha le sue priorità… (m.s.) 12 luglio...
  • Aiuti e aiuto

    Per un popolo che viene “aiutato” (lo metto tra virgolette sottolineando tutta la tragica ironia della doppia maledizione che si portano appresso questi tipi di sostegni interessati dell’imperialismo moderno),...
  • Contro e pro

    C’è ancora la Covid-19. C’è la guerra tra due imperialismi che si fronteggiano sulla pelle degli ucraini. La benzina è arrivata a 2.08 al litro. Gas ed elettricità vanno...
  • Dal Donbass alla Luna

    Nel 2026, al massimo nel 207, pare che un modulo italiano sia pronto a fare la sua discesa sulla Luna. Noi c’arriviamo sempre un po’ in ritardo agli appuntamenti...