Rap(inatori)

Due rapper romani di cui non riesco nemmeno a pronunciare il nome (mi sembra più complesso di concetti tedeschi espressi con parole similmente lunghe come “supercalifragilistichespiralidoso”), a fine concerto...

Due rapper romani di cui non riesco nemmeno a pronunciare il nome (mi sembra più complesso di concetti tedeschi espressi con parole similmente lunghe come “supercalifragilistichespiralidoso”), a fine concerto hanno rapinato e picchiato un loro ammiratore, un fan: in due contro quattro, di cui uno minorenne.

Confesso che questa ancora mi mancava tra le “figurine” dell’umanità autolesionista: ma come… io vado al concerto dei miei “idoli” e questi mi menano e mi derubano del cellulare, mi corcano di botte e mi inseguono…?

E siccome già ci sono, mentre mi rincorrono si imbattono in una persona che aspetta l’autobus. Un uomo sui cinquant’anni proveniente dal Bangladesh (questo è invece molto facile da scrivere come termine) che per il fatto di non essere dello stesso colore della pelle dei due viene fatto oggetto di calci e pugni con tentativo di fregare pure a lui il cellulare.

Ora, la domanda è, ma i due cosiddetti rapper romani guadagnano così poco da dover picchiare fans e ignari passanti per racimolare soldi e cellulari?

Diamogli una mano, riempiamo i locali dove suonano! Se non per la loro musica (posso solo immaginare che roba sia…) per evitare nuove aggressioni agli ignari cittadini della capitale!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...