Rap(inatori)

Due rapper romani di cui non riesco nemmeno a pronunciare il nome (mi sembra più complesso di concetti tedeschi espressi con parole similmente lunghe come “supercalifragilistichespiralidoso”), a fine concerto...

Due rapper romani di cui non riesco nemmeno a pronunciare il nome (mi sembra più complesso di concetti tedeschi espressi con parole similmente lunghe come “supercalifragilistichespiralidoso”), a fine concerto hanno rapinato e picchiato un loro ammiratore, un fan: in due contro quattro, di cui uno minorenne.

Confesso che questa ancora mi mancava tra le “figurine” dell’umanità autolesionista: ma come… io vado al concerto dei miei “idoli” e questi mi menano e mi derubano del cellulare, mi corcano di botte e mi inseguono…?

E siccome già ci sono, mentre mi rincorrono si imbattono in una persona che aspetta l’autobus. Un uomo sui cinquant’anni proveniente dal Bangladesh (questo è invece molto facile da scrivere come termine) che per il fatto di non essere dello stesso colore della pelle dei due viene fatto oggetto di calci e pugni con tentativo di fregare pure a lui il cellulare.

Ora, la domanda è, ma i due cosiddetti rapper romani guadagnano così poco da dover picchiare fans e ignari passanti per racimolare soldi e cellulari?

Diamogli una mano, riempiamo i locali dove suonano! Se non per la loro musica (posso solo immaginare che roba sia…) per evitare nuove aggressioni agli ignari cittadini della capitale!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...