Michele

Michele per me è un nome importante. Non è il mio. Proprio questo è importante. E’ un  nome che rimane nella storia della mia vita. Michele è il nome...

Michele per me è un nome importante. Non è il mio. Proprio questo è importante. E’ un  nome che rimane nella storia della mia vita.

Michele è il nome di altre persone che ho conosciuto in quasi mezzo secolo di esistenza. E’ un nome che mi ha sempre portato alla mente momenti felici, istanti di una giovinezza ormai trascorsa.

Da ieri, qualcuno vorrebbe che io mi ricordassi di Michele in altro modo, associando questo nome al modellino di un feto di pochi mesi: un giocattolino di plastica, plasticamente rappresentante quei tanti bimbi che sarebbero stati uccisi con l’aborto.

Pratica satanica, diabolica, delitto per il vescovo di Padova.

Diritto della donna a decidere in ultima istanza la sorte propria anzitutto e quella di una forma di materia incosciente che potrebbe nascere deformata, con gravi malattie o molto più semplicemente non voluta dalla genitrice.

Il diritto divino dei congressisti per la famiglia impone che il feto abbia già personalità giuridica, morale e quanto d’altro ancora prima dei tre mesi previsti dalla Legge.

Il diritto italiano prevede altro. Conquiste di un recente passato, diritti delle donne acquisiti in nome di una moralità laica che prevedeva e prevede tutt’ora che anzitutto si metta davanti il diritto alla libera scelta e alla salute della madre e del bambino. Senza contrapporle tre i due soggetti interagenti.

Michele per me non sarà mai il nome di una piccola cosa di pessimo gusto (mi perdoni Gozzano…) messa in circolazione per conquistare paginate di giornali e aperture di siti Internet ad un convegno che riunisce nemmeno la parte più “medioevale” del Paese, perché persino nel Medioevo certe idee propagandate a Verona erano meno rigide e più avanzate…

No, Verona non sostituirà in me ogni ricordo che associo al nome “Michele”: fanciullezza, giochi, sentimenti dolci, amore.

In questo, almeno, la Vandea veronese raccapricciante ha fallito. Davvero miseramente.

(m.s.)

foto tratta dal web

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...
  • Il non ultimo innocente

    Nonostante certi temi siano temporalmente appartenenti ad ogni epoca, perché riguardano l’universalità di princìpi che ci comprendono tutte e tutti; nonostante coinvolgano ogni paese di questo nostro pianeta; nonostante...