La partita americana

Aprire “La Stampa” e leggere schematicamente le differenze di programma politico tra Hillary Clinton e Donald Trump fa venire voglia, anche ad un comunista, la voglia di sbarrare la...

Aprire “La Stampa” e leggere schematicamente le differenze di programma politico tra Hillary Clinton e Donald Trump fa venire voglia, anche ad un comunista, la voglia di sbarrare la strada al miliardario autocratico, autarchico e chi più ne ha, più ne metta di critiche.
Poi pensi a cosa rappresenta Hillary… Il grande capitale, interessi per nulla popolari, verrebbe da dire: “proletari”.
Poi ripensi a Trump e rileggi i punti di Hillary: assume alcuni punti di Bernie Sanders sull’assistenza sociale ai più poveri, sulla gratuità scolastica.
Poi vai avanti a leggere: “Potenziamento della Nato”. Ecco, qui già non ci siamo più… Insomma, un colpo al cerchio ed uno alla botte…
Tenere insieme sinistra e centro. Mi ricorda qualcosa, qualcuno qui in Italia. Imprese impossibili che riescono grazie alla poca critica politica e sociale delle persone…
Ma forse là, negli Stati Uniti si gioca una partita più seria di quella italiana. O no?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...