La partita americana

Aprire “La Stampa” e leggere schematicamente le differenze di programma politico tra Hillary Clinton e Donald Trump fa venire voglia, anche ad un comunista, la voglia di sbarrare la...

Aprire “La Stampa” e leggere schematicamente le differenze di programma politico tra Hillary Clinton e Donald Trump fa venire voglia, anche ad un comunista, la voglia di sbarrare la strada al miliardario autocratico, autarchico e chi più ne ha, più ne metta di critiche.
Poi pensi a cosa rappresenta Hillary… Il grande capitale, interessi per nulla popolari, verrebbe da dire: “proletari”.
Poi ripensi a Trump e rileggi i punti di Hillary: assume alcuni punti di Bernie Sanders sull’assistenza sociale ai più poveri, sulla gratuità scolastica.
Poi vai avanti a leggere: “Potenziamento della Nato”. Ecco, qui già non ci siamo più… Insomma, un colpo al cerchio ed uno alla botte…
Tenere insieme sinistra e centro. Mi ricorda qualcosa, qualcuno qui in Italia. Imprese impossibili che riescono grazie alla poca critica politica e sociale delle persone…
Ma forse là, negli Stati Uniti si gioca una partita più seria di quella italiana. O no?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...