I due nemici della Spagna

Il discorso del re Felipe VI è stato di totale chiusura nei confronti dei catalani che hanno votato e si sono espressi, nonostante le botte e le violenze della...

Il discorso del re Felipe VI è stato di totale chiusura nei confronti dei catalani che hanno votato e si sono espressi, nonostante le botte e le violenze della Guardia Civil regia, per l’indipendenza.
Non una parola contro queste aggressioni di Stato contro un popolo che chiedeva soltanto di votare. Non una parola contro la repressione governativa.
Praticamente il re ha fatto comprendere a tutti gli spagnoli che il pugno di ferro di Rajoy lo condivide e lo appoggia.
Così facendo si alimenta uno scontro che poteva ancora essere evitato e si portano le posizioni e il cammino indipendentista alla radicalizzazione massima.
La Spagna ha due grandi nemici: Mariano Rajoy e Felipe VI.
Solo la Terza Repubblica potrà risolvere un conflitto fra nazionalità interne alla Spagna. Chi oggi siede al governo e chi su un trono porterà la Spagna, su questo fronte, al collasso.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Gli inventori

    Che peccato… Così tanta bellezza artistica, così tanta cultura e così tanta storia in mezzo a pedofilia, banchieri corrotti, affaristi senza scrupoli, traffici loschi… E tutto grazie all’invenzione di...
  • Il cerchio della vita

    Euro 2020, Danimarca versus Finlandia. Christian Eriksen finisce a terra. Arresto cardiaco. I compagni i squadra accorrono, lo soccorrono. Gli praticano il massaggio cardiaco prima ancora dei medici. Gli...
  • Non ti saluto, mascherina

    Rivendico la scellerataggine di mettermi la mascherina anche all’aperto. Anche quando squillerano le trombe mediatiche del liberi tutti, del “non c’è più alcun pericolo”. Già si sentono ed etichettano...
  • A Musa, che voleva solo vivere

    Musa Balde aveva 29 anni. Li aveva. Si è impiccato come Geordie perché gli aprissero i cancelli del CPR dove era stato rinchiuso, a Torino, dopo essere stato aggredito...