Donne su donne

Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...

Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione o alle ipotesi, alle illazioni, persino al plasmare verità alternative a quelle intrinsecamente contenute nei fatti.

Se un marito uccide una moglie, è un uomo che uccide una donna. Entrambe le cose. Non c’è scambio di ruoli possibile. Se una moglie fa arrabbiare il marito, perché mai si dovrebbe presupporre che quel comportamento in qualche modo “giustifica” la reazione violenta del marito?

Ora, se tu mi tiri una padella per ammazzarmi, posso scegliere di tirartene una anche io per legittima difesa. Ma se mi fai arrabbiare e inviperire e la mia reazione sono delle coltellate o delle botte, beh… non c’è più nessuna giustificazione alla reazione all’azione primaria.

Sostenere sottilmente che un uomo può essere provocato nel compiere l’estremo gesto, rientra perfettamente nel settore giustificazionista. Al pari di “se l’è cercata“… Che tutto questo l’abbia ipotizzato una donna, non giustifica proprio un bel nulla, non alleggerisce la pesantezza del dire e l’ottundimento del de-pensare.

(m.s.)

18 settembre 2021

Foto di Diana Cibotari da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...
  • Disperato, povero Afghanistan

    Vent’anni di guerra in Afghanistan, di missioni militari, di occupazioni e di depredazioni di risorse energetiche. Vent’anni (e più) di risiko asiatico, tra i confini dell’ex Urss, l’Iran islamico...