Cartellini e scatole

Non ci volevo credere. Dopo che un po’ ovunque i “furbetti del cartellino” sono stati scoperti a timbrare per l’orario di lavoro di millanta colleghi, ora, si sono evoluti....

Non ci volevo credere. Dopo che un po’ ovunque i “furbetti del cartellino” sono stati scoperti a timbrare per l’orario di lavoro di millanta colleghi, ora, si sono evoluti. Forse sarà la seconda generazione di “furbetti”, ma sono decisamente maldestri.
Timbrano per chiunque ma lo fanno con un metodo infallibile per sfuggire alle telecamere che sano riprenderli nell’atto illecito: si mettono una scatola di cartone in testa per non essere riconosciuti.
Non ci volevo credere. Ma ho visto le foto sul Corriere della Sera.
Non ci volevo credere. Ma posso credere ancora che qualcosa vada la pena d’essere creduto, a parte il comunismo?
Non so… Provate a convincermi…
Ah… Boscotrecase, così si chiama il comune dove è avvenuto il fatto. Pare siano stati denunciati in 23.
Vatti a fidare delle scatole!

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Strade separate

    Dalla fine degli anni ’70 del secolo scorso, il liberismo nasce, cresce e si espande sulla base dell’assunto per cui sempre meno deve essere lo spazio dato allo Stato...
  • Una vergogna nazionale

    La Resistenza è stata un’enormità, una lotta di popolo, un capovolgimento storico, persino rivoluzionario e non potrà mai essere vilipesa da un accomodamento utilitaristico di qualche centinaia di migliaia...
  • Dall’alto in basso

    Sostiene il Papa che le giovani coppie italiane sono più propense a vivere con cani e gatti piuttosto che a fare figli. Sostiene la diocesi di Albenga della Chiesa...
  • Serena rassegnazione

    Un terzo delle persone che mi passano accanto per la strada sono senza mascherina. Bofonchio tra me e me, mentre cammino: «Cosa c’è di così difficile da capire nel...