Se mi citofona Salvini…

Quando ci saranno le elezioni in Liguria, se Salvini verrà a citofonare a casa mia per chiedermi se “spaccio”, gli dirò di sì. Spaccio solidarietà al posto di crudeltà...
Matteo Salvini, segretario della Lega

Quando ci saranno le elezioni in Liguria, se Salvini verrà a citofonare a casa mia per chiedermi se “spaccio”, gli dirò di sì. Spaccio solidarietà al posto di crudeltà e odio. Spaccio memoria storica al posto del revisionismo. Spaccio una roba che fa malissimo a tutti coloro che pensano di vivere nel migliore dei mondi possibili: dubbio, lotta di classe e comunismo.

Battute a parte (ma nemmeno poi tanto…), i cittadini che circondavano Salvini citofonante urlavano: “Sei un grande”. La politica è diventata davvero di bassa lega se si riduce a queste manifestazioni carnascialesche che attirano ovviamente il cannibalismo mediatico, che fanno discutere per almeno uno o due giorni tutte le televisioni, che alimentano la bestialità dei “social network”, che tutto fanno tranne affrontare i temi del disagio sociale.

Battute a parte: è semplicemente indegno, vergognoso, indecente che ci si comporti in questo modo. Non è politica, non è giornalismo. E’ solo un “dagli all’untore” per sentito dire.

Qualora fosse anche vero ciò che i cittadini affermano sul signore a cui Salvini ha citofonato, esistono i carabinieri, le procure della Repubblica e si va lì a denunciare, non gli si porta sotto casa il segretario di un partito che sta facendo campagna elettorale.

Ah… dimenticavo… scusate… Si fa invece proprio così, perché la normalità borghesemente intesa della democrazia è stata superata da tempo. Ora vige non la ragione, la ponderazione dei fatti, l’indagine scrupolosa, la ricerca delle fonti e così via… Tutto è cambiato: si procede per istinto, per rabbia, per odio, per accanimento, per supposizione, per illazione, per gogna, per suggestione di massa.

Allora, va tutto bene, e scusate se ho pure sussultato leggendo il “Buongiorno” su “La Stampa” di oggi circa Almirante… Proverò a rientrare nella serena calma del revisionismo storico, nell’adattamento quieto all’ordine sovranista che tanto bene ci vuole. Siamo noi ad odiare… mica loro.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Confessioni di italiani

    I fintamente democratici sovranisti, neofascisti della modernità attuale, non ce la fanno proprio a dire che sono “antifascisti“. E perché mai dovrebbero, visto che sono fascisti. Il paradosso nasce...
  • Donne su donne

    Il giustificazionismo ha delle striature di ambiguità che lo rendono, molto spesso, molto pericoloso. Tra le pieghe sue pieghe si nascondono detti e non detti, campi aperti lasciati all’immaginazione...
  • Light and heavy

    Draghi e Salvini si accordano sull’approvazione del Green pass alla Camera dei Deputati. Non si sa bene chi abbia convinto chi. Ma poco importa: l’estensione “light” del Certificato verde...
  • A Khasa Zeman

    Khasa Zeman è l’uomo a sinistra nella foto. Accanto a lui c’è un suo aguzzino, un miliziano talebano che lo irride. Era un comico, Khasa, che ha sempre satireggiato...