Per mare e per rotaia

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori. Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo...

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori.
Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo tricolori che traspaiono dai simboli elettorali. Torno a sentire inni ed elogi galanti di giornalisti e commentatori.
Ma c’è una differenza: qualcuno nelle stazioni impreca, inveisce e risponde anche male al viaggiatore sorridente che si trascina dietro zaini e borse.
Qualcuno forse ha capito che dietro ai sorrisi di circostanza e alle domande scontate c’è solo l’ennesimo tentativo di prolungare una nuova sofferenza per il Paese intero: per quello più piegato al disagio sociale, all’indigenza, ad una sopravvivenza che è soffocante quanto lo smog della valle padana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Strade separate

    Dalla fine degli anni ’70 del secolo scorso, il liberismo nasce, cresce e si espande sulla base dell’assunto per cui sempre meno deve essere lo spazio dato allo Stato...
  • Una vergogna nazionale

    La Resistenza è stata un’enormità, una lotta di popolo, un capovolgimento storico, persino rivoluzionario e non potrà mai essere vilipesa da un accomodamento utilitaristico di qualche centinaia di migliaia...
  • Dall’alto in basso

    Sostiene il Papa che le giovani coppie italiane sono più propense a vivere con cani e gatti piuttosto che a fare figli. Sostiene la diocesi di Albenga della Chiesa...
  • Serena rassegnazione

    Un terzo delle persone che mi passano accanto per la strada sono senza mascherina. Bofonchio tra me e me, mentre cammino: «Cosa c’è di così difficile da capire nel...