Non è un’opinione

Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che...

Quell’insieme di parole che pretenderebbero di essere un editoriale, su un giornale nazionale apertamente di destra, che vorrebbero attribuire la responsabilità di uno stupro alla vittima, a colei che l’ha subito, sono la dimostrazione che la libertà di stampa può essera abusata, vilipesa e a sua volta violentata.

Non esiste libertà di stampa senza libertà di opinione, ma non tutte le parole formano per forza delle opinioni. Alcune vengono assemblate in modo tale da diventare insulti, accuse, muscolarità scritte e verbali che offendono il principio della deontologia professionale del cronista, del giornalista in generale, di colui che vuole fare informazione o commentare un fatto.

Ma se il fatto viene ridotto ad un soggettivismo tale da essere stravolto così sfacciatamente e pubblicamente, ciò significa che il problema non è solo dello scriteriato giornalista, del biasimevole quotidiano di destra.

Il problema è anche e soprattutto ben altro: è una questione che riguarda una intera comunità di popolo e la sua cultura, il tipo di visione che ha dei rapporti tra esseri umani, tra questi e il resto del pianeta.

E’ questione che rimanda alla morale come espressione del patto sociale comune e non come semplicistica interpretazione singolare di quanto avviene. Nessuna morale personale può essere alienata dal contesto, altrimenti diventa autoreferenziale, egoismo puro e disprezzo di qualunque altra opinione.

E’ evidente che l’intento era quello di generare reazioni come questa: di sdegno, di ribrezzo, di stigma, di condanna. Un certo modo di adoperare la tastiera del computer è esclusivamente finalizzato a produrre saccenze che condannano, dita puntate sul colpevole e tanti soloni che si ergono a giudici seduti sul basamento dei tanti pregiudizi.

Serve una nuova alfabetizzazione morale, civile, sociale e culturale in senso stretto e in senso lato. Una riappropriazione di una umanità che somiglia sempre più al suo contrario.

(m.s.)

Foto di moritz320 da Pixabay

categorie
Lo stiletto



leggi e sostieni

info Covid-19

antispecismo



sul tuo computer…

altri articoli

  • Sfaccettature nere

    Un assessore regionale veneto di Fratelli d’Italia canta “Faccetta nera” a “La Zanzara“. Ne viene fuori la solita esaltazione ipocrita della presunta “libertà” di pensiero e di espressione da...
  • Eminenti signorini

    Secondo alcuni alti prelati l’omosessualità si può curare. E’ una malattia. Secondo il conduttore di una nota trasmissione nazional-popolare (di cui è bene e pietoso tacere anche il nome,...
  • “Street food” un cazzo! (scusate il francesismo)

    Va bene che i quotidiani on-line diano la notizia del ritrovamento di un termopolio nella Pompei romana, con persino frammenti di cibo di oltre duemila anni fa… Ma che...
  • Chi vuol esser l’inopportuno?

    L’inopportuno è colui che sbaglia i tempi di una battuta, che introduce in una conversazione una parola, una frase che proprio in quel contesto andrebbe del tutto evitata. L’inopportuno...