Il pene sul cappello

Saranno anche “episodi“, “casi isolati“, “goliardie” cameratesche ma, comunque le si voglia chiamare, restano delle gran schifezze quasi predatorie. Mani morte, tentate slinguazzate, approcci sessuali più o meno spinti....

Saranno anche “episodi“, “casi isolati“, “goliardie” cameratesche ma, comunque le si voglia chiamare, restano delle gran schifezze quasi predatorie. Mani morte, tentate slinguazzate, approcci sessuali più o meno spinti.

Diviene tutto lecito solo perché il numero grande di partecipanti al raduno degli alpini a Rimini rimpicciolisce quello di chi si è dato ai bollenti spiriti in bar, ristoranti, per strada?

Le donne che denunciano vengono naturalmente processate prima dei loro molestatori: accusate di essere troppo esigenti, petulantemente pedanti… Noiose, insomma. Incapaci di stare allo scherzo. Perché sarebbero scherzi, sarebbero facezie e niente di più.

E magari questi imbolsiti o nerboruti rappresentanti di un corpo militare che vanta più ubriacature patriottarde a litri di grappa sarebbero pure contenti di sentire le mani di una donna sul loro pene o sul loro culo. Sarebbero probabilmente eccitati da una bocca femminile che tenta un approccio con la loro.

Non respingendo quegli atti, potrebbero considerarsi non predati – come invece le donne si sentono… – ma lusingati dal riconoscimento della loro virilità, del loro sex appeal e quindi concedersi a quelle che molta trogloditissima e moderna scuola di commento pubblico potrebbe definire delle “baccanti“.

Così, se tutto è un gioco, alla fine perché prendere sul serio atti che sono invece violenze? Il tentativo di sottrarsi alla proprie responsabilità, da parte di questi maschioni con il pene sul cappello, è equiparabile alla volgarità delle loro avances (eufemismo che potete eliminare e sostituire con “mascalzonate” o, meglio ancora, “tentati abusi“).

Già le penne sul cappello non mi sono mai piaciute, visto che a qualche povero animale le avranno pure strappate per poterle mettere sopra i copricapi militari… Ora, i peni sul cappello mi fanno veramente schifo. Senza mezze parole, così, molto semplicemente ed esplicitamente.

(m.s.)

11 maggio 2022

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • La bara di Shireen

    Non rispettano i vivi, perché mai dovrebbero rispettare i morti. E quando i vivi portano i morti sulle loro spalle, li accompagnano con le bandiere palestinesi e cercano di...
  • Mea et vestra culpa

    Adesso, via, forza… accusate nuovamente anche il papa di essere “putiniano“, caso mai non l’aveste già fatto. O, piuttosto, di essere un “pacifinto“, uno che vuole la pace “perché...
  • Invettiva in vettura

    La civiltà di un Paese, si diceva un tempo, la si poteva evincere dal modo in cui teneva le proprie carceri. Ho sempre pensato che fosse una mezza, ma...
  • La ciofeca

    Massimo Gramellini dovrebbe cambiare nome alla sua rubrica quotidiana sul “Corriere della Sera”, imitando Totò nella celebre scena della “ciofeca”, di quel surrogato che toccava bere proprio durante la...