Il Partito del Congiuntivo Sbagliato

La lingua italiana è la prima vittima della campagna elettorale. Mi trovo perfettamente d’accordo con questa affermazione del presidente dell’Accademia della Crusca. Dovrebbe essere imbarazzante per molti l’assistere allo...
Dante Alighieri

La lingua italiana è la prima vittima della campagna elettorale.
Mi trovo perfettamente d’accordo con questa affermazione del presidente dell’Accademia della Crusca.
Dovrebbe essere imbarazzante per molti l’assistere allo stillicidio di congiuntivi sbagliati, di frasi costruite senza un senso compiuto, di termini anglofoni usati a pieni polmoni per catturare maggiormente l’attenzione dei cittadini…
Invece non lo è.
Il poco amore per la lingua che parliamo è indice di un parallelo altrettanto poco amore per la cultura del nostro Paese, per la sua storia, per la sua letteratura che affonda le radici dall’XI secolo in avanti.
Sbagliare un congiuntivo può accadere anche al migliore degli accademici, ma perseverare negli errori e alimentare un uso della lingua italiana pieno di errori e di omissioni di parole che invece potrebbero essere utilizzate non denota una modernità imperante, una sorta di equilibrio tra l’ieri e l’oggi.
Mostra, invece, soltanto come poche siano le letture che si fanno ogni anno e come tutto ciò porti ad un utilizzo sempre più banale della nostra lingua, riducendo ad una “seccatura” l’osservazione delle regole grammaticali e la bellezza dello scrivere e del parlare correttamente.
La grammatica è una musica per le parole. Non conoscerla vuol dire stonare continuamente mentre ci si rivolge ad altri per iscritto o per dialogo.
Cantavano i partigiani sulle montagne…

Chiediamo scusa se con frasi stolte,
abbiam storpiato pure il padre Dante.
La colpa è del bicchier che troppe volte
la bocca ci baciò tutto tremante…“.

Ecco, oggi nemmeno più il vino è un alibi per le sgrammaticature…
Speriamo che Dante si sia voltato e, soprattutto, si sia turato le orecchie…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Il velo di Silvia

    E’ una questione di libertà. Una libertà che si vede, un’altra che si fa fatica a vedere. Silvia Romano ha dichiarato che per lei “il velo è un simbolo...
  • Gatticidio

    Dunque, la grande inchiesta dei giornali telematici e non di due giorni fa è il gatto ucciso e cucinato da un migrante per strada. E’ un orrore, certo. Non...
  • Mascherina mia, mascherina tua

    Ce lo dobbiamo dire: le manifestazioni sono socialità e servono a ripristinare il carattere popolare della politica. Ne ho vissute tante e spero di viverne ancora molte. Però, se...
  • Riconoscersi

    Se siamo i primi noi a non ritenere centrale l’abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, non possiamo pretendere che i lavoratori sentano il bisogno di una simile...