E’ Sanremo anche per noi

Per chi si lascia andare, con spirito improvvisato da critico musicale, alla visione del Festival di Sanremo, quindi per chi come me lo guarda come uno spettacolo anche da...

Per chi si lascia andare, con spirito improvvisato da critico musicale, alla visione del Festival di Sanremo, quindi per chi come me lo guarda come uno spettacolo anche da irridere benevolmente come fa la Gialappa’s Band, l’ascolto delle canzoni è stato un piacevole scorrimento di emozioni a fasi alterne e con fortune alterne.
Fiorella Mannoia ed Ermal Meta. Due nomi soltanto balzano fuori dal resto della concorrenzialità musicale: la prima per profondità artistica, per espressione musicale della medesima legata ad una passione per la vita, per l’umanità, per i più deboli che si evince dalla voglia di comunicare la bellezza in mezzo a tanto orrore quotidiano; il secondo mi aveva colpito già l’anno scorso per quel viso intrigante, leggermente scapigliato, per una sonorità che vuole portare con sé temi importanti.
Ed, infatti, anche in questa edizione del festival, Ermal Meta porta un argomento scottante: la violenza fisica, personale. Ma la urla quasi sottovoce: eppure si fa sentire ed emerge rispetto alla consuetudine di altri artisti che invece calcano il palcoscenico dell’Ariston per mostrarsi, per non tramontare, per non essere dimenticati dalle case discografiche. Prima di tutto.

(m.s.)

foto di Marco Sferini

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • Harry d’America

    Trump è un pericolo. Lo si sa. Per batterlo servono tutte le armi democratiche possibili. Anche quelle più inaspettate: un appello apprezzabile del principe Harry e di sua moglie...
  • Libri per Fausto Leali

    «Mussolini ad esempio ha fatto delle cose per l’umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un fan di Mussolini». Così virgolettano i...
  • Tutto si lega

    Eh sì, cari compagni della “memoria condivisa“… giusto un “pochino” di responsabilità anche della morte di Willy l’avete voi. Considerando meritevoli di ricordo repubblichini, fascisti di vario genere e...
  • L’arte di saperla comunicare

    A differenza di altri critici, Daverio non aveva bisogno di urlare per costruire su di sé un personaggio. La pacatezza delle sue riflessioni e il modo con cui spiegava...