Anestetico Gaetano

Oltre a festeggiare la Repubblica Italiana, la sua Costituzione e riprendere in mano le radici della memoria che ci hanno portato, nonostante tutto, a far evolvere alcuni aspetti sociali...
Rino Gaetano al Festival di Sanremo del 1978

Oltre a festeggiare la Repubblica Italiana, la sua Costituzione e riprendere in mano le radici della memoria che ci hanno portato, nonostante tutto, a far evolvere alcuni aspetti sociali e civili di uno Stato nato male e cresciuto peggio, il 2 giugno mi è caro perché mi fa ripensare a Rino Gaetano.

Purtroppo moriva oggi, a causa di un incidente stradale. Ci ha lasciato in eredità uno squarcio aperto sulla lucida follia della fuga mentale dal quotidiano presente che ci divora l’animo, che non ci lascia spazio alla fantasia, che ci incattivisce e che ci fa diventare crudeli, sadici, spietati. In una parola: disumani.

Rino, forse impropriamente, e me ne scuserà se da qualche parte vaga l’anima sua e capita su queste parole, lo ascolto insieme a I Nomadi, a Guccini, a Fabrizio De Andrè, ai Gang ed anche ai Litfiba.

Peregrino musicalmente da Paolo Pietrangeli ad Ermal Meta. Peregrino alla ricerca di un suono associato ad un pensiero che mi faccia ubriacare di quella bella follia, di quel nonsense che mi ha anestetizzato le ferite del vivere e che mi ha aiutato a vivere.

Grazie Rino. Ovunque tu sia e anche se tu non sia ovunque.

(m.s.)

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...