Un applauso ad Ermal Meta

Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha...
Ermal Meta

Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha rimarcato come sia necessario scrivere in un buon italiano, non disarticolare e distruggere la grammatica della nostra lingua. Rispettarla per rispettare le emozioni che la musica, attraverso anche le parole, può e deve dare.
Bravo Ermal!

(m.s.)

foto: screenshot televisivo di autorealizzazione

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Caldo nuovo nazismo

    No, non è il caldo. E’ proprio un nuovo nazismo che brucia le teste svuotate da decenni di malapolitica che ha ben interpretato tutto il volere del mercato. Il...
  • Trasecolandia

    Dunque, avete capito: l’allarme razzismo è colpa della sinistra. Siamo noi che urliamo contro gli sbarchi, che pretendiamo che, vi sia necessità o meno, tutto vada prima agli italiani....
  • Non l’avete mica capito

    Gente che spara dai terrazzi, ma non a caso. Non siamo a Capodanno quando una cattiva usanza, in alcune parti d’Italia, fa usare i fucili e le pistole al...
  • Ante litteram

    “Vade retro” lo si dice a Satana, solitamente. Un buon rigurgito di protocristianesimo fa fare copertine ribelli, almeno indignate davanti a tanta veemenza nel trattare casi umani (e umanitari)...