Teologia della morte della sinistra

Forse dovremmo sviluppare anche noi una sorta di teologia della morte della sinistra: per farla rinascere su fondamenta più solide di quelle sviluppate sino ad oggi. Si sono dimostrate...

Forse dovremmo sviluppare anche noi una sorta di teologia della morte della sinistra: per farla rinascere su fondamenta più solide di quelle sviluppate sino ad oggi.
Si sono dimostrate fallaci nello svolgersi lungo degli avvenimenti del tempo: la dominazione del capitale ha saputo adattarsi alle crisi e, seppure rimangano cicliche, prendono la forma dell’acqua (mi perdoneranno i cinefili se involontariamente cito il titolo di un film attualmente nelle sale), gestendo quindi le fasi più acute con ristrutturazioni altrettanto acute sotto forma di “riforme per il futuro”, di aggiustamenti violenti contro i diritti dei lavoratori che sembrano essere (perché la grande comunicazione unilaterale così li propina) moderni sviluppi del mercato del lavoro reso “sostenibile” proprio contro le crisi che lo minacciano.
Non bisogna mentire: non si può più permettere lo scambio delle parole con concetti ne sono l’esatto opposto.
La teologia della morte della sinistra può sembrare anche un gioco divertente, ma invece è quanto di meno insopportabile oggi si può vivere se si vuole sopravvivere politicamente e rimettere ordine culturale, sociale e politico in un campo di valori che sono avversati pur reclamando per il popolo giustizia sociale, libertà civile e uguaglianza.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.



  • 17 giugno 2018
    Poche righe scritte per esprimere ancora una volta un personale moto dell’anima d’indignazione e la sensazione di distacco profondo che il...
  • 16 giugno 2018
    La domanda è questa: quando si ripristinerà una sana vergogna civile per quanto accade in Italia in questo momento? La risposta...
  • 15 giugno 2018
    Non è solo questione di impoverimento culturale medio o di una sempre più vasta diffusione di una morale fondata sull’individualismo esasperato...
  • 14 giugno 2018
    La memoria della Resistenza non basta più per fronteggiare la spavalderia dell’incultura razzista, xenofoba, intollerante che monta nel Paese: non è...
  • 13 giugno 2018
    Nella confusione della politica moderna (verrebbe voglia di citare: “la confusione sotto il cielo è grande, ma la situazione non è...







altri articoli

  • Il cruciverba della vergogna

    Incivile, crudele, intriso di odio, pregiudizio, razzismo, xenofobia. Potrebbe essere una definizione multipla per “La Settimana enigmistica”. Il problema sarebbe trovare la soluzione: che si adattino nelle caselle di...
  • L’arte del mondiale

    Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese… Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga...
  • Neet Italia

    I giovani tra i 18 e i 24 anni… che belle età! Eppure uno di loro su quattro non studia e non lavora. Li chiamano “neet” e sembra proprio...
  • Per forza

    Oggi inizia il mondiale di calcio. Senza l’Italia. Meglio così, altrimenti qualcuno avrebbe chiesto di chiudere anche gli stadi se non si vince per forza la partita. (m.s.) foto...