Roma

  • Da Augusto a Di Maio, l’impossibile “abolizione” della povertà

    Giulio Cesare era abituato a cambiare le sorti della politica manu militari: sia quando con le proprie vittorie in numerose campagne di acquisizione di nuovi territori alla Repubblica romana influenzava le mosse del Senato (e quindi della classe borghese dell’epoca) sia quando decideva di varcare il confine del Rubicone...
  • Raggi-Salvini, l’asse funziona: sgomberato il Camping River

    «Sui campi rom non guarderò in faccia a nessuno», aveva detto Virginia Raggi due anni fa, appena insediata in Campidoglio, parlando in privato ai suoi assessori. Ha mantenuto la minaccia e ha sgomberato Camping River, a due giorni dallo stop allo sfratto intimato della Corte europea per i diritti...
  • Quell’assemblea che nemmeno Augusto volle sopprimere

    Scrive Tacito: “Quando (Augusto) ebbe attratto a sé i soldati coi donativi, il popolo con le distribuzioni di grano, tutti con la dolcezza della pace, iniziò ad elevarsi a poco a poco ed a concentrare in sé le competenze del Senato, dei magistrati, delle leggi, senza che alcuno gli...
  • Ricomincio da tre

    Care e compagne e cari compagni il mio contributo al dibattito è tutto teso a preservare (se possibile) l’unità del Partito, nell’ambito dell’avventura di PAP, andando nella direzione di non aumentare le già tante lacerazioni che via via stanno venendo alla luce, sia dai territori che personali. In questo...
  • Da dove ricominciare a sinistra

    Nel disastro generale della sinistra moderata e radicale in Italia spiccano rare eccezioni di controtendenza. Ci si aspetterebbe allora che fossero oggetto privilegiato di attenta analisi per acquisire e mettere a valore quegli elementi vitali di reattività. Ma non è così. La resa è anche culturale ed impoverisce l’attitudine...
  • La storia dimenticata in via Giorgio Almirante

    La domanda è questa: quando si ripristinerà una sana vergogna civile per quanto accade in Italia in questo momento? La risposta è: impossibile saperlo. Non c’è giorno in cui non si assista ad una presa di posizione pubblica che contenga invettive razziste, dis-umanitarie, apertamente votate ad un crudelismo (se...
  • Un paio d’ali arcobaleno

    Avere un paio d’ali arcobaleno e volare via. Averle per sorvolare, anche solo per un istante, questo mondo di pregiudizi, di morale, di giudici e di condanne. Averle per respirare un’aria diversa, meno contaminata dalla gratuità dell’odio e del disprezzo. Averle le ali, ma smontabili. Per tornare a terra,...
  • Il Roma Pride si fa resistente. Con le famiglie arcobaleno

    Hanno risposto con la solita festosa allegria alla perversione bigotta di chi vorrebbe ingabbiare l’amore tra il diavolo e l’acqua santa. Un lungo corteo chiassoso e colorato con centinaia di migliaia di persone (ci vuole un’ora e mezza per vederlo sfilare tutto) che ballano al ritmo dei diciotto sound...
  • Casa delle donne, la decisione della giunta 5 Stelle «è inaccettabile»

    Dopo la votazione di giovedì della mozione Guerrini (m5s) durante il consiglio comunale che sdogana con disinvolta e apodittica sciatteria la chiusura della Casa internazionale delle donne di Roma, diverse sono state le reazioni, sia da parte dei movimenti che delle istituzioni. C’era da aspettarsele, vista l’entità del danno...