Siate entusiasti delle sconfitte!

I risultati elettorali della sinistra per cui “indietro non si torna” fanno vergognare i prefissi telefonici. Ma visti i brindisi alle politiche, non mi stupisco che si scriva che...

I risultati elettorali della sinistra per cui “indietro non si torna” fanno vergognare i prefissi telefonici. Ma visti i brindisi alle politiche, non mi stupisco che si scriva che “si migliora” in queste amministrative.
Oltre ad aver smarrito la capacità di percepire il senso comune, s’è perso anche il limite della decenza.
Qualcuno mi ha chiesto: “Va bene, tu critichi, ma cosa proponi?”.
Di avere una visione più ampia e meno rigidamente ossequiosa ad una autoreferenzialità purista che mi sembra non stia portando risultati (tranne la tua elezione nel municipio genovese che io credo sia fondamentalmente legata alla tua persona, alla sua riconoscibilità per le tante lotte fatte in questi decenni).
Propongo di essere disponibili al dialogo anche con forze “riformiste” (vorrei sapere quali sono poi le forze rivoluzionarie in questa fase…) come Sinistra Italiana e Possibile, così come con forze assolutamente minori ma comuniste che, in parte, già dialogavano con PaP.
Propongo una rivalutazione culturale da imporre a noi stessi, una scuola di politica che sia anche di partito.
Propongo di evitare di vedere chi esprime dubbi e critiche come un nemico e di vederlo invece come un modo per scoprire insieme la verità politica su una fase criticissima.
Propongo di non andare al traino di nessuno: di centri sociali che pensano di essere Lenin o di forze politiche che fino a ieri avevano in mente il centrosinistra come obiettivo di “rinnovamento della politica”.
Propongo di rilanciare Rifondazione Comunista in una federazione di sinistra di alternativa senza dovermi sentire sempre estraneo nell’ambiente politico per cui lotto, solamente perché appartengo ad un Partito.
Propongo di scendere sul piano della consapevole concretezza dei fatti: l’1% di PaP non era una vittoria, i risultati di queste amministrative non registrano nessun “avanzamento”.
Invece PaP sostiene di riscontrare elementi positivi in questa tornata. Io non ne vedo.
Ma capisco di essere una specie di social-traditore… siamo già arrivate anche a questa categoria, ad indicare l’uscio dell’uscita.
Criticare non è possibile. Bisogna solo essere entusiasti delle sconfitte.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.



  • 17 giugno 2018
    Poche righe scritte per esprimere ancora una volta un personale moto dell’anima d’indignazione e la sensazione di distacco profondo che il...
  • 16 giugno 2018
    La domanda è questa: quando si ripristinerà una sana vergogna civile per quanto accade in Italia in questo momento? La risposta...
  • 15 giugno 2018
    Non è solo questione di impoverimento culturale medio o di una sempre più vasta diffusione di una morale fondata sull’individualismo esasperato...
  • 14 giugno 2018
    La memoria della Resistenza non basta più per fronteggiare la spavalderia dell’incultura razzista, xenofoba, intollerante che monta nel Paese: non è...
  • 13 giugno 2018
    Nella confusione della politica moderna (verrebbe voglia di citare: “la confusione sotto il cielo è grande, ma la situazione non è...







altri articoli

  • Il cruciverba della vergogna

    Incivile, crudele, intriso di odio, pregiudizio, razzismo, xenofobia. Potrebbe essere una definizione multipla per “La Settimana enigmistica”. Il problema sarebbe trovare la soluzione: che si adattino nelle caselle di...
  • L’arte del mondiale

    Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese… Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga...
  • Neet Italia

    I giovani tra i 18 e i 24 anni… che belle età! Eppure uno di loro su quattro non studia e non lavora. Li chiamano “neet” e sembra proprio...
  • Per forza

    Oggi inizia il mondiale di calcio. Senza l’Italia. Meglio così, altrimenti qualcuno avrebbe chiesto di chiudere anche gli stadi se non si vince per forza la partita. (m.s.) foto...