Quale Marx?

Mi stropiccio gli occhi. Non più di tanto. Ma tant’è un po’ di stupore si genera, si crea. Non sussulta l’animo, nemmeno la coscienza marxista. La mia. Ma quando...

Mi stropiccio gli occhi. Non più di tanto. Ma tant’è un po’ di stupore si genera, si crea. Non sussulta l’animo, nemmeno la coscienza marxista. La mia.
Ma quando un filosofo marxista arriva ad affermare che la Lega è una forza schierata contro i sostenitori della mondializzazione turbocapitalista, a favore dei dannati del capitalismo, mi chiedo: ma quale Marx ha letto?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*



altri articoli

  • Arrivarci in tempo

    In fondo posso dire di essere stato sufficientemente intelligente, concreto e cosciente da prevedere cosa fosse Forza Italia e non votarla pensando che fosse “rivoluzionaria”. Avrò sbagliato nel pensare...
  • Ieri, oggi e domani

    Sono tanti i luoghi ideali e fisici dove nasce e cresce il pregiudizio e si alimenta l’odio contro gli omosessuali, contro i transessuali. Sono tanti perché, di contro, sono...
  • Concilio

    Il cosiddetto “Comitato di conciliazione” nemmeno lontanamente è un organo istituzionale e costituzionale. Ma molto più vicinamente ricorda luoghi di discussione usati in un non lontano oscuro passato dittatoriale....
  • Giorni da leone

    Più o meno ha detto così… “Più ci attaccano e più mi sento motivato”. Sarà. “Serve coraggio, non abbiamo bisogno di cuori deboli”. Un discorso muscolare, tenace, indomito. Il...