Per mare e per rotaia

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori. Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo...

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori.
Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo tricolori che traspaiono dai simboli elettorali. Torno a sentire inni ed elogi galanti di giornalisti e commentatori.
Ma c’è una differenza: qualcuno nelle stazioni impreca, inveisce e risponde anche male al viaggiatore sorridente che si trascina dietro zaini e borse.
Qualcuno forse ha capito che dietro ai sorrisi di circostanza e alle domande scontate c’è solo l’ennesimo tentativo di prolungare una nuova sofferenza per il Paese intero: per quello più piegato al disagio sociale, all’indigenza, ad una sopravvivenza che è soffocante quanto lo smog della valle padana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Il pianeta di Spock

    Pare che il pianeta Vulcano, quello del primo ufficiale Spock di Star Trek, esista davvero. Dista 16 anni luce dalla Terra e questo ci rassicura. Nel momento in cui...
  • 49 in 81

    49 in 81. Provate voi ad andare in banca a chiedere se vi lasciano restituire un prestito (quindi qualcosa di legale e legittimo) in 81 anni… Provate… (m.s.) foto...
  • Miss Italia

    La cattiveria all’ordine del giorno. Gratuita, anzi distribuita con bonus al seguito: per diffonderne altra. Per abbaiare come cani rabbiosi non più in un recinto ma liberi di vagare...
  • Stefano e Franco

    Ieri sera ho visto il film “Sulla mia pelle”. Ho rivissuto la lettura de “Il sovversivo” di Corrado Stajano. Fate una cosa: se conoscete la terribile vicenda di Stefano...