Per mare e per rotaia

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori. Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo...

Rivedo la nave che salpa. Rivedo le bandiere tricolori che sventolano. Risento inni ed elogi galanti di giornalisti e di commentatori.
Poi osservo l’oggi, vedo un treno partire, vedo tricolori che traspaiono dai simboli elettorali. Torno a sentire inni ed elogi galanti di giornalisti e commentatori.
Ma c’è una differenza: qualcuno nelle stazioni impreca, inveisce e risponde anche male al viaggiatore sorridente che si trascina dietro zaini e borse.
Qualcuno forse ha capito che dietro ai sorrisi di circostanza e alle domande scontate c’è solo l’ennesimo tentativo di prolungare una nuova sofferenza per il Paese intero: per quello più piegato al disagio sociale, all’indigenza, ad una sopravvivenza che è soffocante quanto lo smog della valle padana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Tanti (piccoli) egoisti

    Svastiche sui monumenti, irruzioni negli studi televisivi, accoltellamenti e pestaggi e, prima ancora, qualche folle che spara “sui negri” per vendetta. Ci sono tutte le premesse per passare dalla...
  • Voto contento!

    Faccio mie le parole di Giorgio Cremaschi: “Questa volta vado a votare contento! Non mi capitava da tanto tempo. Finalmente voterò per una lista senza dovermi turare il naso,...
  • La grande bellezza

    Un bacio olimpico per battere l’omofobia. Bellissimo il tenero scambio di affetto tra Gus Kenworthy e il fidanzato Matt. In una romantica cornice innevata, i due nemmeno si erano...
  • Una qual specie non di sinistra

    Programmi affini e visioni comuni della società. E’ ciò che si augura chi si è staccato dal PD per correre solitariamente, ma non troppo… A giusta distanza elettorale. Poi,...