Pensare, tre volte e anche di più

Ciò che è “sociale” è in realtà antisociale. Ciò che vorrebbe essere sociale viene percepito come antisociale. Ciò che è antisociale è invece la normalità. In assenza di una...

Ciò che è “sociale” è in realtà antisociale. Ciò che vorrebbe essere sociale viene percepito come antisociale. Ciò che è antisociale è invece la normalità. In assenza di una coscienza critica, viene meno la critica e viene meno la coscienza.
Il dilemma è: senza coscienza e senza critica come si crea una coscienza?
Col pensiero.
Recitava un bellissimo vecchio detto anarchico: “Se non vivi come pensi, comincia allora a pensare a come vivi”.
Pensare. E’ gratis. Sfugge ad ogni regola del mercato. Farà un po’ male a volte, ma è una grandiosa forma di ribellione singolare. Se unita a tante altre, diventa una volontà. Qualcosa di concreto.
Pensare. Pensare. Pensare.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.









altri articoli

  • Oh no…

    Una nuova ricerca scientifica affermerebbe che oltre la metà delle macchie di sangue presenti sulla Sindone di Torino sarebbero false. E’ una notizia drammatica… Ora mi toccherà assistere nuovamente...
  • 80 anni dal o di razzismo?

    Il 15 luglio 1938 veniva firmato il manifesto che affermava l’esistenza delle razze e, in queste, di “piccole” e “grandi” razze”. Tra l’altro vi si affermava che “il concetto...
  • La nonna delle presine

    C’è una donnina anziana, una nonnina che a Roma fa presine all’uncinetto. Per strada. Davanti alla metro. Non le vende, le offre liberamente. Chi può offre di più e...
  • Cattiveria

    Vi ricordate la bambina del film “Schindler’s list”? Non quella col cappottino rosso che finisce nel rogo nazista, preludio della fuga delle SS per l’arrivo dell’Armata Rossa. L’altra bambina,...