Orribile e meraviglioso

Vorrei non essere sempre costretto ad osservare con spasmodica curiosità il patologico dell’essere umano. Vorrei poter leggere storie sociali di libertà, vedere sempre più persone ridere e vivere e...

Vorrei non essere sempre costretto ad osservare con spasmodica curiosità il patologico dell’essere umano. Vorrei poter leggere storie sociali di libertà, vedere sempre più persone ridere e vivere e non soffrire e sopravvivere.
Maledirei la mia specie se non avessi avuto l’orizzonte del comunismo, perché mi avrebbe già condotto all’annichilimento, al suicidio nemmeno assistito.
E’ orribile accorgersi di appartenere ad una materia animata e pensante che si autodistrugge e che annienta la grande armonia della natura che la circonda per lo scopo dell’accumulazione del profitto e del potere.
Ma è altresì meraviglioso accorgersi che ogni giorno una passione sociale e politica può salvarci da tutto questo ed elevarci ad un piano così superiore da guardare l’umanità piccola dall’alto di una conoscenza che, comunque sia, rimane dolore.
Dolore per il sapere, prezzo della fine dell’ignoranza di una condizione che rimane, per il resto, completamente inconoscibile.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Il pianeta di Spock

    Pare che il pianeta Vulcano, quello del primo ufficiale Spock di Star Trek, esista davvero. Dista 16 anni luce dalla Terra e questo ci rassicura. Nel momento in cui...
  • 49 in 81

    49 in 81. Provate voi ad andare in banca a chiedere se vi lasciano restituire un prestito (quindi qualcosa di legale e legittimo) in 81 anni… Provate… (m.s.) foto...
  • Miss Italia

    La cattiveria all’ordine del giorno. Gratuita, anzi distribuita con bonus al seguito: per diffonderne altra. Per abbaiare come cani rabbiosi non più in un recinto ma liberi di vagare...
  • Stefano e Franco

    Ieri sera ho visto il film “Sulla mia pelle”. Ho rivissuto la lettura de “Il sovversivo” di Corrado Stajano. Fate una cosa: se conoscete la terribile vicenda di Stefano...