Oltre il 3%. In tutti i sensi

Lontani dalla supponenza di chi si sente già vincitore e privi di una rassegnazione di chi si sente già sconfitto: così costruiamo non una avventura ma un progetto sociale...

Lontani dalla supponenza di chi si sente già vincitore e privi di una rassegnazione di chi si sente già sconfitto: così costruiamo non una avventura ma un progetto sociale e politico di lungo corso. Così tutte e tutti insieme diamo vita in questi giorni a “Potere al Popolo!”.
Con la rabbia che diventa conquista di una nuova emozione singola e collettiva: un entusiasmo che si rifonda nell’essere comuniste e comunisti, antiliberisti e libertari.
E’ la più bella coalizione sociale che si possa pensare, che ora si può concretamente realizzare. Oltre il 3%. In tutti i sensi.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.









altri articoli

  • Un applauso ad Ermal Meta

    Gli faccio un plauso in più. Non solo perché è uno dei miei cantautori preferiti, che amo sotto più punti vista, ma perché, presente al “Giffoni Film Festival”, ha...
  • Contro i vergognisti

    E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...
  • Non essendoci, ci sono

    Diciassette anni fa a Genova si apriva una stagione di repressione ma anche di speranza. Il movimento cresciuto e nato allora, quello che voleva “un altro mondo possibile”, quello...
  • Niente danni fisici

    Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e...