Moro, 40 anni dopo

Dei misteri si sa sempre tutto. Sono passati 40 anni dal rapimento e dal sequestro del presidente della Democrazia Cristiana, Aldo Moro, da parte delle Brigate Rosse. Sono passati...
Il ritrovamento del corpo dell'onorevole Aldo Moro nella Renault rossa

Dei misteri si sa sempre tutto. Sono passati 40 anni dal rapimento e dal sequestro del presidente della Democrazia Cristiana, Aldo Moro, da parte delle Brigate Rosse. Sono passati tanti anni: anni in cui si sono fatte mille inchieste giornalistiche, decine di film, scritti fiumi di libri.
Sono passati 40 anni da una delle pagine più buie e controverse della storia repubblicana. Di una Italia che allora scivolava nell’unità governativa tra PCI e DC nel “Compromesso storico”, nell’incontro delle due metà del Paese che si fronteggiavano da decenni.
Teorie del complotto ne sono state sfornate a bizzeffe. Erano gli anni dell’ascesa della P2, del resto, e quindi dietro ad ogni certezza c’era sempre un dubbio. Erano gli anni del servizi segreti deviati e, anche qui, c’era motivo per pensare che non fosse poi così tutto cristallino, istituzionalmente perfetto.
Veniva da pensare che la “versione ufficiale” dei fatti non fosse poi così “ufficiale”, non rappresentasse davvero quella costituzionale democrazia che ci si voleva propinare.
Avevo cinque piccoli anni allora, ma associo il ricordo torbido e triste del sequestro moro, le immagini del telegiornali e la voce di Paolo Fraiese, affannata, che raccontava e descriveva la scena di via Fani, ad un altro triste evento. Non so perché li associo, ma per me sono paralleli: la bomba alla stazione di Bologna di alcuni anni dopo.
Era estate allora e il bel clima sulle langhe piemontesi contrastava con le voci assordanti e le sirene delle ambulanze che sempre la televisione mandava in onda.
Un bambino di cinque o sette anni non può capire tutto questo. Eppure, non me lo spiego, nemmeno oggi che ho quasi 45 anni, riesco appieno a comprendere tutta quella “notte della Repubblica”, pur conoscendola, pur sapendo, come voi, quasi tutto di due misteri. Quasi.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.









altri articoli

  • Contro i vergognisti

    E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che molto è iniziato a cambiare. E’ quando avete cominciato ad avere paura della parola “comunismo” che tanto è...
  • Non essendoci, ci sono

    Diciassette anni fa a Genova si apriva una stagione di repressione ma anche di speranza. Il movimento cresciuto e nato allora, quello che voleva “un altro mondo possibile”, quello...
  • Niente danni fisici

    Negare l’Olocausto non produce danni fisici, reali o attacchi ad individui. Negare ciò che è stato lo sterminio pianificato dal governo nazista e da tutto un apparato servizievole e...
  • Umani serpenti a sonagli

    Ma che bravi! Tutti a pubblicare le foto delle tragedie dei migranti in mare. Tutti a battersi il petto, a dirsi coscienziosi, pieni di umanità. Sui “social”. Poi, sempre...