Moro, 40 anni dopo

Dei misteri si sa sempre tutto. Sono passati 40 anni dal rapimento e dal sequestro del presidente della Democrazia Cristiana, Aldo Moro, da parte delle Brigate Rosse. Sono passati...
Il ritrovamento del corpo dell'onorevole Aldo Moro nella Renault rossa

Dei misteri si sa sempre tutto. Sono passati 40 anni dal rapimento e dal sequestro del presidente della Democrazia Cristiana, Aldo Moro, da parte delle Brigate Rosse. Sono passati tanti anni: anni in cui si sono fatte mille inchieste giornalistiche, decine di film, scritti fiumi di libri.
Sono passati 40 anni da una delle pagine più buie e controverse della storia repubblicana. Di una Italia che allora scivolava nell’unità governativa tra PCI e DC nel “Compromesso storico”, nell’incontro delle due metà del Paese che si fronteggiavano da decenni.
Teorie del complotto ne sono state sfornate a bizzeffe. Erano gli anni dell’ascesa della P2, del resto, e quindi dietro ad ogni certezza c’era sempre un dubbio. Erano gli anni del servizi segreti deviati e, anche qui, c’era motivo per pensare che non fosse poi così tutto cristallino, istituzionalmente perfetto.
Veniva da pensare che la “versione ufficiale” dei fatti non fosse poi così “ufficiale”, non rappresentasse davvero quella costituzionale democrazia che ci si voleva propinare.
Avevo cinque piccoli anni allora, ma associo il ricordo torbido e triste del sequestro moro, le immagini del telegiornali e la voce di Paolo Fraiese, affannata, che raccontava e descriveva la scena di via Fani, ad un altro triste evento. Non so perché li associo, ma per me sono paralleli: la bomba alla stazione di Bologna di alcuni anni dopo.
Era estate allora e il bel clima sulle langhe piemontesi contrastava con le voci assordanti e le sirene delle ambulanze che sempre la televisione mandava in onda.
Un bambino di cinque o sette anni non può capire tutto questo. Eppure, non me lo spiego, nemmeno oggi che ho quasi 45 anni, riesco appieno a comprendere tutta quella “notte della Repubblica”, pur conoscendola, pur sapendo, come voi, quasi tutto di due misteri. Quasi.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

  • 26 aprile 2018
    E’ doveroso far notare come la comparazione tra Resistenza e Risorgimento, pur tentata ieri nel corso delle celebrazioni del 25 aprile...
  • 24 aprile 2018
    Norberto Bobbio, molti anni fa, affermava che la celebrazione della Resistenza rappresentava una sorta di esame di coscienza laico sul presente...
  • 22 aprile 2018
    Proprio ieri, dalle colonne de “La Stampa”, un interessante articolo di Gianni Riotta definiva Marx una “icona pop”, moderno nell’ieri e...
  • 21 aprile 2018
    Bisogna forse indagare meglio la struttura del potere che diventa istituzione, Stato, che include quindi tra le sue ragioni d’essere una...
  • 20 aprile 2018
    Emerge ancora più evidente il profilo del movimento 5 Stelle dai giri di consultazioni di questi giorni: è il profilo di...



altri articoli

  • Considerazioni desolanti

    Il rumore di una modernità bugiarda mi scuote l’animo e mi rende indisciplinato verso una specie di omologazione fatta di lampi di genio di chi vorrebbe accreditarsi come lo...
  • Democrazia. Seppur apparente

    Peccato che la normale dialettica tra le forze politiche venga percepita e vissuta da gran parte della gente come un noioso accidente. Se tutto fosse già deciso, semplice e...
  • Tutto da imparare

    Tutti a studiare in Italia! Alunni che vessano gli insegnanti con azioni di bullismo, violenza, insulti… Insegnanti che fanno gli auguri ad Hitler per il suo 129° compleanno. C’è tutto da...
  • Quale Marx?

    Mi stropiccio gli occhi. Non più di tanto. Ma tant’è un po’ di stupore si genera, si crea. Non sussulta l’animo, nemmeno la coscienza marxista. La mia. Ma quando...