Memento mori: un riepilogo dei dati elettorali siciliani

Si è appena spento l’eco dei commenti riguardanti il risultato delle elezioni siciliane di domenica scorsa (mentre si è già messa in moto la magistratura) e adesso l’attesa è...

Si è appena spento l’eco dei commenti riguardanti il risultato delle elezioni siciliane di domenica scorsa (mentre si è già messa in moto la magistratura) e adesso l’attesa è tutta per le prossime, inevitabili, elezioni legislative generali.

Ricordando che la legislatura scade l’11 marzo 2018 e che eventuali proroghe rappresenterebbero l’ennesima forzatura costituzionale verificatasi in questa legislatura (un’altra legge elettorale bocciata dalla Consulta; due governi venuti fuori da un trama di palazzo e non dal’esito del voto) e che sono ancora da delineare i collegi per la parte uninominale (di conseguenza tutte le simulazioni dei vari istituti di ricerca sono da considerare fasulle) è il caso di fare il punto circa quello che è stato l’effettivo andamento dei risultati elettorali parziali che abbiamo riscontrato dal 2015 al 2017.

In questo lasso di tempo abbiamo avuto 5 appuntamenti al voto di rilievo nazionale (da questo computo quindi sono escluse le appena celebrate elezioni siciliane) ed esattamente: le elezioni regionali 2015; il referendum sulle trivelle del 17 aprile 2016; le elezioni amministrative del 5 giugno 2016 ( nella nostra analisi saranno presi in considerazione soltanto i dati riguardanti i 25 capoluoghi), il referendum del 4 dicembre 2016 sulle deformazioni costituzionali, le elezioni amministrative dell’11 giugno 2017 (anche in questo caso presi in esame i dati dei 25 capoluoghi chiamati al voto).

E’ evidente che per quel che riguarda i due referendum saranno presi in esame soltanto i dati riguardanti la partecipazione al voto.

Andiamo dunque per ordine elencando elezione per elezione il votale dei voti validi (quindi escluse schede bianche e nulle) turno elettorale per turno elettorale:

Elezioni regionali 31 maggio 2015 ( 7 regioni):

iscritti nelle liste : 18.849.077

voti validi: 9.293.140 ( 49, 30%)

Referendum trivelle 17 aprile 2016

Iscritti nelle liste 50.675.406

Voti validi 15.533.569 (30,65%)

Elezioni amministrative 5 giugno 2016 ( 25 capoluoghi)

Iscritti nelle liste: 6.644.135

Voti validi 3.696.557 (55,63%)

Referendum costituzionale 4 dicembre 2016

Iscritti nelle liste 50.773.284

Voti validi 32.852.112 (64,70%)

Elezioni amministrative 11 giugno 2017 (25 capoluoghi)

Iscritti nelle liste 2.854.057

Voti validi 1.469.936 (51,50%)

Appare evidente come ormai la percentuale dei voti validi si aggiri sul 50% degli aventi diritto. In questo quadro fa davvero spicco la percentuale raggiunta nel referendum costituzionale del 64,70%, una percentuale davvero rilevante rispetto ai trend attuali.

Passiamo allora all’analisi riguardante i diversi blocchi politici raggruppati in 5 parti: PD, Centro – destra, M5S, Sinistra (il riferimento è quello relativo alla conformazione della Lista Tsipras presentata alle europee 2014 e comprendente PRC, PdCI, SeL e altri soggetti) e Centristi (tentando di seguire al meglio possibile le diverse evoluzione dell’area).

Verifichiamo allora nel merito:

PD

Regionali 2015 ( il dato comprende le liste d’appoggio ai candidati presidenti) 2.691.159 28,95%

Amministrative 2016 (numeri sempre comprensivi delle liste d’appoggio ai candidati Sindaci) 1.062.767 31,50%

Amministrative 2017 ( sempre comprese le liste d’appoggio) 418.791 30,33%

L’andamento del PD può essere considerato lineare nel trend di calo dopo il presunto exploit delle elezioni europee 2014 (ricordiamo ancora una volta la valutazione fasulla di quel 40% ch, in realtà, dal punto di vista dei voti raccolti valeva meno del 33% del 2008). Adesso, ovviamente, pesa l’incognita della scissione di MdP.

CENTRO – DESTRA

I dati dei 3 partiti che compongono questo fronte (FI, FdI, Lega) sono esaminati separatamente e nel loro complesso considerato il sistema di alleanze tra loro che pare, sul piano politico, consolidarsi

Regionali 2015:

Forza Italia 955. 704 10,28%

Fratelli d’Italia 334.663 3,60%

Lega Nord 807.053 8,68%

Liste d’appoggio 257.172 2,76%

Alla Lega Nord sono stati assegnati anche i voti ottenuti dalla Lista Zaia in Veneto.

Totale centro destra 2.354.592 25,32%

Amministrative 2016:

Forza Italia 275.052 8,15%

Fratelli d’Italia 195.119 5,78%

Lega Nord 180.306 5,34%

Liste d’appoggio 358.730 10,63%

Totale centro destra : 1.009. 207 29,92%

Amministrative 2017

Forza Italia 107.166 7,29%

Fratelli d’Italia 40.714 2,76%

Lega Nord 90.505 6,15%

Liste d’appoggio 225.656 15,35%

Totale centro destra 489.744 31,55%

Inutile rimarcare il dato di crescita costante nel triennio anche se va ricordato come il dato nazionale complessivo più probante rimanga comunque il 25% delle regionali.

MOVIMENTO 5 STELLE

Regionali 2015: 1.324.292 14,25%

Amministrative 2016: 700.456 20,76%

Amministrative 2017: 138.279 10,01% ( da ricordare per quanto riguarda questa tornata i 26.255 voti pari al 2,62% raccolti da liste cinque stelle dissidenti a Parma e Genova)

SINISTRA (Prc, Pdci, Sel poi SI, dal 2017 Mdp)

Regionali 2015 390.973 4,20%

Amministrative 2016 295.547 8,76% (dato comprensivo dei voti ottenuti dalla Lista De Magistris a Napoli)

Amministrative 2017 75.830 5,49%

Una lista unica, non alleata dal PD, dovrebbe risultare abbastanza al riparo dal quorum del 3% ma l’impressione è che servirebbe l’apporto di tutti al gran completo.

CENTRISTI

Regionali 2015 529.992 5,70%

Amministrative 2016 67.231 1,99%

Amministrative 2017: 39.664 2,78%

L’area cosiddetta “centrista” (riferimenti UDC e Lista Monti del 2013, poi Scelta Europea e Scelta Civica) appare complessivamente davvero sulla via dell’estinzione .

Non è stato possibile prendere in considerazione l’andamento dell’estrema destra risultando, nel periodo esaminato, troppo sporadico il dato delle presentazione elettorali di quest’area politica.

FRANCO ASTENGO

foto tratta da Pixabay

categorie
Franco Astengo
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli