La Palestina presa in Giro

Che meraviglia: in Italia si discute sul Giro d’Italia e sulle sue prime tappe in Israele. Ed è grande l’attesa di una nuova opportunità per il presidente statunitense Donald...
Gerusalemme

Che meraviglia: in Italia si discute sul Giro d’Italia e sulle sue prime tappe in Israele. Ed è grande l’attesa di una nuova opportunità per il presidente statunitense Donald Trump, che in questi giorni deve decidere se rinviare lo spostamento dell’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme.

Gli italiani, come gli europei e gran parte degli israeliani, sembrano aver dimenticato il conflitto israelo-palestinese. Grazie a Daesh (il sedicente Stato islamico) e al duro lavoro delle destre europee.

Razzismo e islamofobia stanno dilagando e permettono di dimenticare l’esistenza di una grande prigione chiamata Gaza e del regime di apartheid vigente in Cisgiordania.

Ma finalmente succede qualcosa, grazie al Giro d’Italia.

C’è da dire che oggi alcuni bambini delle colonie israeliane nei territori occupati sarebbero stati presi a sassate da palestinesi; così un padre, un orgoglioso colono sentitosi in pericolo, ha sparato «per autodifesa». Un palestinese è morto.

Grazie al Giro d’Italia, in Italia non sanno che alcune ore fa un gruppo della jihad islamica ha sparato missili contro una base israeliana nel sud; la risposta è stata rapida ed energica e una escalation è sempre possibile.

Il dibattito fra gli italiani è molto acceso: si tratta di sport, biciclette, muscoli, mens sana in corpore sano…e noi qua a discutere di gravi casi di corruzione, e di iniziative legislative che intaccano ogni giorno di più le caratteristiche fondamentali di quella che era «l’unica democrazia del Medioriente» e che si sta trasformando in una triste etnocrazia. Fortunatamente i nostri grandi ministri della cultura e del turismo difendono il patrimonio nazionale.

La ministra dello sport e della cultura non si fa assorbire solo dai problemi relativi al Giro d’Italia e oggi ha chiesto di avviare un’indagine sulla Cineteca di Tel Aviv, perché il prossimo sabato è in programma la proiezione dell’interessante film di un regista palestinese, sui periodi più difficili del passato.

«Biciclette a Gerusalemme», «La città unificata per sempre». Ma sarebbe utile vedere che cosa significa quest’unificazione.

Per fortuna i nostri governanti sono molto saggi e sanno che non ci sono Gerusalemme orientale e Gerusalemme occidentale. La città è tutta israeliana! Perciò stanno cercando di vedere come lasciar fuori dal suo perimetro – senza mollare il terreno – gli abitanti dell’accampamento di rifugiati di Shoafat, con oltre 80mila abitanti.

«Unificata per sempre»…Sì: con un 60% di abitanti israeliani con pieni diritti umani e politici e un 40% di palestinesi di seconda categoria e senza identità nazionale. Effettivamente, non si tratta di parlare di est od ovest, non c’è differenza dice la ministra della cultura…

Per fortuna io (chi scrive ndr) vivo a Gerusalemme occidentale, piena di servizi municipali, il sindaco ascolta le eventuali lagnanze dei cittadini, possiamo muoverci, costruire,vivere, andare a scuola…Invece a Gerusalemme Est mancano oltre 1.000 classi.

Quel che raccontavo sul manifesto del 1987, a 20 anni dall’occupazione del ’67 di Gerusalemme, l’arretratezza, l’oppressione, la discriminazione non si sono mai ridotte.

Al tempo, quantomeno, avevamo il conforto delle idee liberali e la speranza in un futuro migliore; oggi il sindaco, che cerca di farsi avanti nel partito di governo, è uno dei portavoce entusiasti di una politica discriminante e ultra-nazionalista.

Arrivino pure gli atleti del Giro d’Italia e le loro biciclette. Ma sarebbe utile che transitassero un po’ per le due Gerusalemme della Gerusalemme unificata. Così da vedere l’orwelliana realtà di un apartheid sfrenato in continuo peggioramento.

Gli italiani dovrebbero parlare seriamente con la nostra ministra dello sport e il nostro ministro del turismo, così da vedere con spaventosa chiarezza gli abissi di nazionalismo discriminante e sfrenato ai quali si sta arrivando qui. Posso consolarmi solo immaginando il grande presidente Trump in bicicletta in testa ai ciclisti del Giro.

Ma chissà se arriverà: uno dei portavoce della Casa bianca, alla domanda sulla possibile decisione presidenziale in questi giorni sull’ambasciata Usa, ha detto che gli sono arrivati molti messaggi, da Abu Mazen, dal re di Giordania: per avvertire che il trasferimento della sede diplomatica a Gerusalemme potrebbe danneggiare il processo di pace.Tuttavia, ha aggiunto, il passo non sarebbe tanto grave perché l’ambasciata avrebbe sede nella parte occidentale di Gerusalemme.

Attenzione, il caro ministro israeliano della cultura Miri Regev deve tirare le orecchie anche agli Stati uniti.

ZVI SCHULDINER

da il manifesto.it

foto tratta da Pixabay

categorie
EsteriMedio OrientePalestina e Israele
nessun commento

lascia un commento

*

*

  • 10 dicembre 2017
    La riscoperta dell’antifascismo, da parte di alcune forze politiche e di moltissimi cittadini, solamente quando è il neofascismo a rialzare la...
  • 9 dicembre 2017
    Se davvero spezzoni della sinistra d’alternativa sia in forma di partito sia in dimensione di soggetti di movimento intende esaminare l’eventualità...
  • 8 dicembre 2017
    Sarebbe davvero interessante conoscere i piani del governo americano che non traspaiono, se non per postulate ipotesi, nella volontà ormai decisa...
  • 7 dicembre 2017
    Come recitava il bollettino della vittoria di Armando Diaz il 4 novembre 1918: “I resti di quello che fu uno dei...
  • 6 dicembre 2017
    Quale popolo? Potere al popolo. L’opzione di una lista popolare, di sinistra antiliberista e anticapitalista creata dal basso cresce in tutta...

altri articoli