Jobs Act, i disoccupati over 50 superano gli under 24

Istat. Precarietà in Italia. Boom dei senza lavoro ultracinquantenni. A marzo aumentano gli occupati tra i giovani. Il mercato del lavoro ristagna. Governo (Poletti) e Pd (Renzi) celebrano per l'aumento dell'occupazione giovanile. Cgil: «Gli scostamenti decimali non incidono sulla stagnazione del mercato». Continua il crollo delle partite Iva e la crisi tra i lavoratori 35-49enn

A marzo i disoccupati con più di 50 anni hanno superato il numero dei disoccupati giovani tra i 15 e i 24 anni. In questo mese i primi erano 567 mila a fronte dei 524 mila tra chi ha meno di 25 anni. Tra febbraio e marzo 2017 i disoccupati «anziani» sono aumentati di 59 mila unità, 103 mila in più rispetto a marzo 2016. Ciò ha portato il tasso di disoccupazione ad aumentare al 6,7%, il livello più alto da novembre 2014 in questa fascia di età. Per l’Istat è la prima volta che accade dall’inizio delle serie storiche mensili (2004). Nelle classifiche del lavoro precarizzato e povero in Italia, questo storico sorpasso sembra essere dovuto principalmente alla fine della mobilità e alla riduzione temporale degli ammortizzatori sociali decisi dal Jobs Act.

Il boom della disoccupazione tra gli over 50 non ha modificato il trend del mercato del lavoro emerso con il Jobs Act. L’Istat conferma che, su base annua, l’aumento dell’occupazione ha interessato questa categoria di età sulla quale si sono concentrate le trasformazioni dei vecchi contratti a orario ridotto (cig o part-time) in contratti «stabili» da dipendenti. Rispetto al marzo dello scorso anno, la crescita degli occupati è stata registrata in questa tipologia contrattuale pari a 310 mila unità. Di questi 267 mila sono over 50. Dunque, la stragrande maggioranza, anche se l’occupazione cresce anche nelle altre fasce d’età.

La tipologia del lavoro dipendente a tempo pieno va distinta da quella a termine. Sull’anno la prima cresce di 143 mila unità. I precari sono invece 167 mila. La differenza tenderà ad aumentare in vista dell’avvio della stagione estiva quando il precariato stagionale gonfierà le statistiche confermando il primato dei lavori a termine nell’occupazione italiana.

Questi dati vanno inseriti nel contesto di un mercato del lavoro asimmetrico dove l’occupazione giovanile aumenta tra i 15-34enni (44 mila unità) e il tasso di disoccupazione diminuisce al 34,1%, con un calo di 0,4 punti. Su questo exploit possono avere pesato i bonus per «garanzia giovani» che finanzia tirocini per gli under 29. Nei sette Paesi analizzati dalla Corte dei conti europea in un recente rapporto l’80% dei giovani «riattivati» sul mercato del lavoro precario ha trovato una qualche forma di occupazione: 90% in Francia, 86% in Croazia. L’Italia è ferma al 31%, meno della metà dell’Irlanda, penultima con il 64%. Il tirocinio, una forma di occupazione calcolata dalle statistiche, porta a un lavoro in 3 casi su 10. Il calo della disoccupazione giovanile registrato a marzo può dunque rivelarsi effimero. In ogni caso va parametrato con la media europea che è inferiore al 20%.

Il mercato del lavoro è stagnante. Lo confermano tre dati: la disoccupazione generale che sale all’11,7% (+41 mila disoccupati in un mese); la diminuzione degli inattivi (-34 mila), ovvero dei disoccupati che non cercano lavoro; il tasso di occupazione fermo al 57,6%. Dopo la Grecia è il peggiore in Europa. Questo significa che non si crea nuova occupazione, quella che esiste è generata dalla trasformazione di vecchi contratti o da lavoro precario e precarissimo. Gli inattivi che hanno detto all’Istat di avere cercato lavoro almeno una volta nelle ultime settimane prima della rilevazione statistica sono risultati disoccupati (da qui l’aumento del tasso relativo), ma non l’hanno trovato. Un mercato del lavoro è fermo quando non c’è un travaso dal bacino dei disoccupati a quello degli occupati.

…continua a leggere su il manifesto.it…

ROBERTO CICCARELLI

da il manifesto.it

foto tratta da Pixabay

categorie
Mondo lavoro
nessun commento

lascia un commento

*

*

  • 12 dicembre 2017
    Il compagno Fabrizio Tomaselli su “Contropiano” indica cinque punti al riguardo della possibilità di costruire, in vista delle elezioni politiche, una...
  • 10 dicembre 2017
    La riscoperta dell’antifascismo, da parte di alcune forze politiche e di moltissimi cittadini, solamente quando è il neofascismo a rialzare la...
  • 9 dicembre 2017
    Se davvero spezzoni della sinistra d’alternativa sia in forma di partito sia in dimensione di soggetti di movimento intende esaminare l’eventualità...
  • 8 dicembre 2017
    Sarebbe davvero interessante conoscere i piani del governo americano che non traspaiono, se non per postulate ipotesi, nella volontà ormai decisa...
  • 7 dicembre 2017
    Come recitava il bollettino della vittoria di Armando Diaz il 4 novembre 1918: “I resti di quello che fu uno dei...

altri articoli