Ilva, il protocollo Calenda non basta per un accordo

Taranto. Aggiornata la road map per le bonifiche, ma Emiliano e Melucci per ora non ritirano il ricorso. La deadline per coprire i parchi anticipata al 2020. Il 10 un nuovo incontro a Roma con Mittal e i sindacati
Taranto, le acciaierie dell'ILVA

Un protocollo d’intesa per provare a uscire dall’impasse in cui si è impantanata la vicenda Ilva. È la mossa scelta dai ministri dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, e della Coesione territoriale, Claudio De Vincenti, che mercoledì sera hanno inviato al Presidente della Puglia, della Provincia di Taranto, al sindaco di Taranto, e per conoscenza ai sindacati e a Confindustria, «uno schema di Protocollo d’intesa» a seguito delle riunioni del Tavolo per l’Ilva del16 novembre e 20 dicembre scorsi.

IL FULCRO DEL TESTO riguarda «una tempistica accelerata per alcuni interventi di grande rilievo ambientale che consentirà di superare il problema delle polveri entro il primo semestre 2020». È prevista però, ancora una volta, la rinuncia ai ricorsi al Tar di Lecce di Regione e Comune.  Lo schema di protocollo introduce, viene spiegato nella nota dei due ministri, «nel rispetto della disciplina vigente, significativi rafforzamenti della fase esecutiva del Dpcm del 29 settembre 2017, atti a recepire le istanze manifestate dalle amministrazioni regionale e locali e dalle organizzazioni sindacali».

In particolare viene evidenziato come sia stata definita una tempistica accelerata per la copertura dei parchi minerali e fossili, «che consentirà di superare definitivamente il problema delle polveri entro il primo semestre del 2020, e la pavimentazione del parco loppa». È stato previsto inoltre un sistema di condivisione con Regione Puglia ed enti locali e di monitoraggio degli interventi di messa in sicurezza e bonifica delle aree esterne al perimetro dello stabilimento da realizzarsi da parte dell’Amministrazione straordinaria.

PER QUANTO RIGUARDA la valutazione del danno sanitario, «sono state individuate modalità di esame congiunto, da parte dei firmatari del protocollo, del rapporto annuale realizzato da Arpa Puglia e Asl; è stata prevista la nomina di una Commissione cui partecipano i Comuni dell’area per la definizione degli interventi di sostegno assistenziale e sociale per le famiglie disagiate delle aree di Taranto dei comuni limitrofi; viene infine tenuta in attenta considerazione la problematica dei crediti residui vantati dalle imprese dell’indotto, attraverso il pagamento di tutto lo scaduto al 10 dicembre scorso e la ricerca di soluzioni per i crediti pregressi».

Il protocollo prevede, come detto, la rinuncia ai ricorsi da parte della Regione e del Comune, che dovrà intervenire entro 8 giorni dalla sottoscrizione, pena l’automatica risoluzione. Con l’attuazione delle tempistiche e delle prescrizioni previste nel Dpcm del29 settembre e nel protocollo, i principali interventi ambientali per Taranto saranno completati entro il 2020, mette in evidenza la nota, mentre «gli ulteriori interventi, previsti entro il 2023, riguarderanno infatti impianti fermi».

…continua a leggere su il manifesto.it…

GIANMARIO LEONE

da il manifesto.it

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Mondo lavoro
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli