Il giallo del pulito

SULL’ARIA DI “BANDIERA GIALLA” (CON TANTE SCUSE A GIANNI PETTENATI) “Finché vedrai indossar maglietta gialla, tu saprai che qui si spazza ed il centro brillerà! Saprai, quando c’è maglietta...

SULL’ARIA DI “BANDIERA GIALLA”
(CON TANTE SCUSE A GIANNI PETTENATI)
“Finché vedrai
indossar maglietta gialla,
tu saprai che qui si spazza
ed il centro brillerà!
Saprai, quando c’è maglietta gialla
che la democrazia è bella
e il tuo voto splenderà!
Siamo noi, siamo noi maglietta gialla
vieni qui che qui si spazza…!”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Dopo il terremoto, silenzio

    Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di...
  • Tristezza portati via…

    Sembra che esista una “sindrome del fine agosto”: la tristezza incalza per via delle giornate che s’accorciano e per il pensiero di un settembre in cui tutto ricomincia. Dal...
  • Come possiamo difenderci???

    C’è la domanda che arriva puntuale ad ogni attentato terroristico: “Come possiamo difenderci?”. Ovvero, come si può prevenire l’azione inconsulta di un kamikaze, di un uomo o di una...
  • L’omaggio più bello

    Piangere è umano, necessario, naturale, ovvio. Provare a capire è politicamente necessario: accorgersi della simbiosi del potere democratico con quello a-democratico, della interazione tra legalità (apparente) e illegalità definita...