Idiosincrasie di voluti cretinismi

La crisi culturale di una società, intesa come depauperamento e consunzione dei valori di uguaglianza, comunità e solidarietà, avanza anche senza essere spinta nella lotta tra i poveri dalle...

La crisi culturale di una società, intesa come depauperamento e consunzione dei valori di uguaglianza, comunità e solidarietà, avanza anche senza essere spinta nella lotta tra i poveri dalle dinamiche economiche capitalistiche.
E ciò avviene quando non ci si accorge delle mutazioni genetiche che le forze politiche attuano consapevolmente e che inconsapevoli rimangono soltanto per la “base”. In particolare per le iscritte e gli iscritti ad un partito.
Chiamare ancora “sinistra” ciò che è ormai un solido elemento di difesa dei valori della destra di mercato, dei poteri economici forti, anzi fortissimi, è qualcosa di più della miopia politica. E’ cretinismo antipolitico, svilimento della morale singola dell’individuo che vota una destra e si proclama magari “comunista”.
E’ una idiosincrasia nemmeno subìta, nemmeno patita: una sindrome di Stoccolma, verrebbe meglio definirla.
Liberatevene riconoscendola. Riconoscetevi nella libertà. Ancora una volta.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Il pianeta di Spock

    Pare che il pianeta Vulcano, quello del primo ufficiale Spock di Star Trek, esista davvero. Dista 16 anni luce dalla Terra e questo ci rassicura. Nel momento in cui...
  • 49 in 81

    49 in 81. Provate voi ad andare in banca a chiedere se vi lasciano restituire un prestito (quindi qualcosa di legale e legittimo) in 81 anni… Provate… (m.s.) foto...
  • Miss Italia

    La cattiveria all’ordine del giorno. Gratuita, anzi distribuita con bonus al seguito: per diffonderne altra. Per abbaiare come cani rabbiosi non più in un recinto ma liberi di vagare...
  • Stefano e Franco

    Ieri sera ho visto il film “Sulla mia pelle”. Ho rivissuto la lettura de “Il sovversivo” di Corrado Stajano. Fate una cosa: se conoscete la terribile vicenda di Stefano...