Idiosincrasie di voluti cretinismi

La crisi culturale di una società, intesa come depauperamento e consunzione dei valori di uguaglianza, comunità e solidarietà, avanza anche senza essere spinta nella lotta tra i poveri dalle...

La crisi culturale di una società, intesa come depauperamento e consunzione dei valori di uguaglianza, comunità e solidarietà, avanza anche senza essere spinta nella lotta tra i poveri dalle dinamiche economiche capitalistiche.
E ciò avviene quando non ci si accorge delle mutazioni genetiche che le forze politiche attuano consapevolmente e che inconsapevoli rimangono soltanto per la “base”. In particolare per le iscritte e gli iscritti ad un partito.
Chiamare ancora “sinistra” ciò che è ormai un solido elemento di difesa dei valori della destra di mercato, dei poteri economici forti, anzi fortissimi, è qualcosa di più della miopia politica. E’ cretinismo antipolitico, svilimento della morale singola dell’individuo che vota una destra e si proclama magari “comunista”.
E’ una idiosincrasia nemmeno subìta, nemmeno patita: una sindrome di Stoccolma, verrebbe meglio definirla.
Liberatevene riconoscendola. Riconoscetevi nella libertà. Ancora una volta.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Apparire ed essere

    Socialisti (nel chiaro senso purtroppo deteriore del termine, attribuibile solo ad un certo periodo della storia repubblicana), democristiani di vecchio o medio corso. Così si ricostruisce una “sinistra moderna”...
  • Venerdì nero

    Non avevo mai sentito parlare del “Black friday”. Mi sono detto che sono avulso dal contesto economico e sociale per non essermi mai scontrato con questa che viene definita...
  • Domande e gioventù

    Se mi facessero la domanda: “Tra i grillini e Berlusconi chi voteresti?”, beh un po’ sorriderei e poi, se il mio interlocutore fosse un giornalista televisivo noto al pubblico,...
  • Dall’impossibile al possibile

    Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo,...