Dopo il terremoto, silenzio

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di...

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di disagio abitativo, di scadente qualità dei materiali di costruzione delle case, di farraginosità della macchina dei soccorsi.
Le polemiche del dopo-terremoto, dunque, sono inutili. Sono spesso pretestuose per fomentare il qualunquismo e la rabbia. Quest’ultima sarebbe pure giustificata ma diventa ripetitivamente noiosa ed inutile perché perde di efficacia se non trova libero sfogo in una azione sociale e politica degna di questo nome.
Al posto delle polemiche, fate silenzio e risparmiateci le ipocrisie.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Discontinui

    Ora va di moda l’ “essere discontinui” come forma di nuova autonomia politica. Prensuntamente tale. Si vede che invece di centrosinistra a volte si potranno chiamare sinistracentro. (m.s.) foto...
  • Relativamente

    Giudicare moralmente la guerra, che è la quinta essenza dell’immoralità, è esercizio pretestuoso e pregiudiziale. Chi lo fa arriva ad utilizzare il particolare per tentare di screditare o esaltare...
  • Qui e là, là e qui

    Ciascuno a sinistra lancia l’appello: “Scegli da che parte stare”. Se lo ripetono tutti, l’un con l’altro. E alla fine non si sa chi deve stare con chi, dove,...
  • Hotel delle Regole

    Ciascuno si regola come vuole. Regole ferree, regole modificali, regole mediamente flessibili, altre rigidamente meno flessibili. Labilità qua e là, dove e come si preferisce. Ciascuno si regola come...