Dopo il terremoto, silenzio

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di...

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di disagio abitativo, di scadente qualità dei materiali di costruzione delle case, di farraginosità della macchina dei soccorsi.
Le polemiche del dopo-terremoto, dunque, sono inutili. Sono spesso pretestuose per fomentare il qualunquismo e la rabbia. Quest’ultima sarebbe pure giustificata ma diventa ripetitivamente noiosa ed inutile perché perde di efficacia se non trova libero sfogo in una azione sociale e politica degna di questo nome.
Al posto delle polemiche, fate silenzio e risparmiateci le ipocrisie.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Tanti (piccoli) egoisti

    Svastiche sui monumenti, irruzioni negli studi televisivi, accoltellamenti e pestaggi e, prima ancora, qualche folle che spara “sui negri” per vendetta. Ci sono tutte le premesse per passare dalla...
  • Voto contento!

    Faccio mie le parole di Giorgio Cremaschi: “Questa volta vado a votare contento! Non mi capitava da tanto tempo. Finalmente voterò per una lista senza dovermi turare il naso,...
  • La grande bellezza

    Un bacio olimpico per battere l’omofobia. Bellissimo il tenero scambio di affetto tra Gus Kenworthy e il fidanzato Matt. In una romantica cornice innevata, i due nemmeno si erano...
  • Una qual specie non di sinistra

    Programmi affini e visioni comuni della società. E’ ciò che si augura chi si è staccato dal PD per correre solitariamente, ma non troppo… A giusta distanza elettorale. Poi,...