Dopo il terremoto, silenzio

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di...

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di disagio abitativo, di scadente qualità dei materiali di costruzione delle case, di farraginosità della macchina dei soccorsi.
Le polemiche del dopo-terremoto, dunque, sono inutili. Sono spesso pretestuose per fomentare il qualunquismo e la rabbia. Quest’ultima sarebbe pure giustificata ma diventa ripetitivamente noiosa ed inutile perché perde di efficacia se non trova libero sfogo in una azione sociale e politica degna di questo nome.
Al posto delle polemiche, fate silenzio e risparmiateci le ipocrisie.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.









altri articoli

  • Felicità mondiale

    Da due settimane ad oggi le gioie me le regala solo il calcio, di cui a dire il vero seguo solo i mondiali con un certo entusiasmo. Colpa della...
  • Dolore, egoismo e individualismo

    S’è persa la cultura del dolore come elemento che non può prescindere da noi stessi, che ci deve riguardare perché facciamo parte di una comunità ampia, del così tanto...
  • Pure troppo!

    Va bene, avete perso l’umanità. Almeno non perdete la disumanità. Altrimenti non vi resterà nulla se non il vuoto cosmico. Anzi, per voi razzisti, paurosi, pieni di odio, cattivisti...
  • Miscellanea antipoetica

    Si sta come d’estate, il pianto dei bambini nelle gabbie. Ferisce il mio cuore con monotono languore. Ed è subito lager. (m.s.) foto tratta da Pixabay...