Dopo il terremoto, silenzio

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di...

Le polemiche del dopo-terremoto sono più atterranti e demolenti del terremoto stesso. Sono sempre le stesse. Questo perché sempre lo stesso è il sistema che crea le condizioni di disagio abitativo, di scadente qualità dei materiali di costruzione delle case, di farraginosità della macchina dei soccorsi.
Le polemiche del dopo-terremoto, dunque, sono inutili. Sono spesso pretestuose per fomentare il qualunquismo e la rabbia. Quest’ultima sarebbe pure giustificata ma diventa ripetitivamente noiosa ed inutile perché perde di efficacia se non trova libero sfogo in una azione sociale e politica degna di questo nome.
Al posto delle polemiche, fate silenzio e risparmiateci le ipocrisie.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Apparire ed essere

    Socialisti (nel chiaro senso purtroppo deteriore del termine, attribuibile solo ad un certo periodo della storia repubblicana), democristiani di vecchio o medio corso. Così si ricostruisce una “sinistra moderna”...
  • Venerdì nero

    Non avevo mai sentito parlare del “Black friday”. Mi sono detto che sono avulso dal contesto economico e sociale per non essermi mai scontrato con questa che viene definita...
  • Domande e gioventù

    Se mi facessero la domanda: “Tra i grillini e Berlusconi chi voteresti?”, beh un po’ sorriderei e poi, se il mio interlocutore fosse un giornalista televisivo noto al pubblico,...
  • Dall’impossibile al possibile

    Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo,...