Del governo

La debolezza di un governo non si vede mai dopo che ha governato ma sempre prima che si formi, nel momento delle trattative. La forza di un governo la...

La debolezza di un governo non si vede mai dopo che ha governato ma sempre prima che si formi, nel momento delle trattative.
La forza di un governo la si vede mentre dirige il Paese, quando è nel pieno dell’esecutività del suo potere.
La dedizione ai principi costituzionali si rischia di non vederla mai con governi che, volenti o nolenti, qualche sostegno al potere economico lo devono pur garantire come “comitato d’affari della borghesia”.
Non ci si può mai aspettare troppo da un governo. Anche “di sinistra”. Ci si può aspettare che faccia “meno peggio” d’altri.
Ma questa critica maldestra del “potere”, anzi del governo, dal sapore un po’ anarchico è quanto di più decente mi viene in mente se penso ai governi tecnici, ai governi di ispirazione renziana e, tra poco, a quelli di destra estrema.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*



altri articoli

  • Arrivarci in tempo

    In fondo posso dire di essere stato sufficientemente intelligente, concreto e cosciente da prevedere cosa fosse Forza Italia e non votarla pensando che fosse “rivoluzionaria”. Avrò sbagliato nel pensare...
  • Ieri, oggi e domani

    Sono tanti i luoghi ideali e fisici dove nasce e cresce il pregiudizio e si alimenta l’odio contro gli omosessuali, contro i transessuali. Sono tanti perché, di contro, sono...
  • Concilio

    Il cosiddetto “Comitato di conciliazione” nemmeno lontanamente è un organo istituzionale e costituzionale. Ma molto più vicinamente ricorda luoghi di discussione usati in un non lontano oscuro passato dittatoriale....
  • Giorni da leone

    Più o meno ha detto così… “Più ci attaccano e più mi sento motivato”. Sarà. “Serve coraggio, non abbiamo bisogno di cuori deboli”. Un discorso muscolare, tenace, indomito. Il...