Dall’impossibile al possibile

Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo,...

Il PD scopre il mondo del “possibile”. Dalla granitica durezza renziana che lo voleva come soggetto bastante a sé stesso, quasi autoreferenziale nel definirsi unico alleato di sé medesimo, speculare rispetto alle proprie politiche, non necessitante di alcuna alleanza per vincere le elezioni, si è passati alla certezza, questa sì granitica, della formazione di una specie di coalizione che si mostri un po’ centrista e un po’ di sinistra.
Hocus pocus, un po’ di magia di qualche “pontiere”, che giura cambiamenti in merito allo Ius soli e al sacralissimo Jobs act, ed ecco che si materializza la possibilità di avere al fianco una lista con Pisapia, radicali, Verdi e socialisti. Laici, ecologisti che si dimenticano le tante politiche poco ecologiche fatte dai governi del PD in questi anni e l’appoggio dei “compagni” di strada attuali, eredi microbici del vecchio PSI.
Insomma, un percorso contrario a quello di chi veramente vuole tentare di cambiare anche minimamente la società: “dal possibile all’impossibile” si trasforma nel “dall’impossibile al possibile”.
Così, una certa speranza di poter gareggiare alla pari con centrodestra e Cinquestelle può esserci e, del resto, siccome ora tutto è possibile nel PD, Orlando interviene e afferma che “non esiste nessun automatismo sulla eventuale candidatura di Renzi per una nuova conferma a Palazzo Chigi. Se ne parlerà”.
Il mondo del “possibile” è così…

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

  • 10 dicembre 2017
    La riscoperta dell’antifascismo, da parte di alcune forze politiche e di moltissimi cittadini, solamente quando è il neofascismo a rialzare la...
  • 9 dicembre 2017
    Se davvero spezzoni della sinistra d’alternativa sia in forma di partito sia in dimensione di soggetti di movimento intende esaminare l’eventualità...
  • 8 dicembre 2017
    Sarebbe davvero interessante conoscere i piani del governo americano che non traspaiono, se non per postulate ipotesi, nella volontà ormai decisa...
  • 7 dicembre 2017
    Come recitava il bollettino della vittoria di Armando Diaz il 4 novembre 1918: “I resti di quello che fu uno dei...
  • 6 dicembre 2017
    Quale popolo? Potere al popolo. L’opzione di una lista popolare, di sinistra antiliberista e anticapitalista creata dal basso cresce in tutta...

altri articoli

  • Tirate i dadi

    L’ex nuovo centrodestra sarebbe in procinto di scindersi: chi andrà con Renzi e chi vuole, invece, tornare tra le braccia del Cavaliere. Considerato che le destre, a vario titolo,...
  • Alla ricerca del posto fisso

    Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento...
  • Biden bidon

    Che sollievo! “Putin aiuta la Lega e i Cinquestelle”, afferma l’ex vicepresidente americano Biden. Sembra che Putin aiuti un po’ tutti: Donald Trump, destre europee di vario genere… Sembra,...
  • I perditempo

    Pare che Campo progressista sia imploso per le diverse trazioni tra chi voleva spingersi all’accordo col PD anche senza la repentina calendarizzazione dello Ius Soli in Aula e chi,...