Da che parte sta l’ANPI?

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo...

Io posso anche comprendere il travaglio dell’ANPI nell’aderire ad una manifestazione che contraddice le politiche del governo e che, quindi, va in aperto contrasto non solo contro il razzismo e la xenofobia diffusi tra la popolazione.
Lo comprendo nella misura in cui penso ad un’ANPI che recepisce certi input e certe pressioni in merito al posizionarsi su un determinato piano politico.
Ma l’ANPI deve rispondere soprattutto a due differenti piani di valutazione dei fenomeni che accadono: civile e sociale. Sul piano civile si determina anche il giudizio su quanto si sviluppa sul terreno della mera socialità che, dovrebbe essere evidente, non è seconda in quanto importanza rispetto a civismo e politica propriamente detta.
Per questo credo che l’ANPI si trovi oggi ad un bivio ancor più che in passato e che debba scegliere se vuole essere al fianco degli antifascisti tutti o se preferisce un ruolo di vicinanza alla linea di condotta dettata dalle istituzioni che di volta in volta cambiano.
Ma la morale antifascista non cambia e quindi, forse, sarebbe bene che una associazione che è erede della storia e della cultura della Resistenza partigiana non avesse più dubbi in merito e diventasse così evidente la sua “partigianeria” da impedire a qualunque governo di avere dei dubbi se chiedere o meno all’ANPI da che parte stare.

(m.s.)

foto tratta da Patria Indipendente

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

altri articoli

  • Un altro paese

    Secondo il Ministero dell’Interno non esiste un reale pericolo di una escalation delle azioni violente tra le diverse parti politiche e sociali del paese. Credo si tratti del Ministero...
  • Due mazzate? Ma anche no!

    “Anche due mazzate però…”. No. Io sono abituato ad evitare la violenza come strumento politico. Lavoro, nel mio piccolo, per il ritorno alla delegittimazione delle organizzazioni neofasciste, xenofobe e...
  • Rischio di impresa e di povertà

    Grazie ai lavoratori il fatturato delle industrie balza in avanti del 5,1% rispetto a pochi mesi fa. Un dato alto, mai così alto dal 2011, frutto della circolazione delle...
  • Tanti (piccoli) egoisti

    Svastiche sui monumenti, irruzioni negli studi televisivi, accoltellamenti e pestaggi e, prima ancora, qualche folle che spara “sui negri” per vendetta. Ci sono tutte le premesse per passare dalla...