Come possiamo difenderci???

C’è la domanda che arriva puntuale ad ogni attentato terroristico: “Come possiamo difenderci?”. Ovvero, come si può prevenire l’azione inconsulta di un kamikaze, di un uomo o di una...

C’è la domanda che arriva puntuale ad ogni attentato terroristico: “Come possiamo difenderci?”. Ovvero, come si può prevenire l’azione inconsulta di un kamikaze, di un uomo o di una donna che possono mettere in pratica un atto che sparge morte a piene mani senza sapere quando, dove, come. Sul perché ci sarebbe da ragionare a fondo.
Come possiamo difenderci? Probabilmente in nessun modo, sarebbe la risposta più logica davanti alla totale imprevedibilità di un fenomeno.
Possiamo forse difenderci dai terremoti? Pur conoscendone la meccanica, sappiamo che un terremoto è altamente imprevedibile e che, comunque, non è contenibile in nessun modo. Se decide di d’arrivare per via dei sommovimento sotterranei della nostra crosta terrestre, arriva e ce lo prendiamo tutto quanto.
Così è per la tecnica terroristica dei furgoni impazziti lanciati sulle folle, dell’uomo che si fa esplodere per strada, di chi tira fuori un coltello e sgozza la gente a caso in una piazza di Helsinki.
Non esiste prevedibilità.
Dunque, alla domanda: “Come possiamo difenderci?”, l’unica risposta possibile è: “Cambiando radicalmente il mondo in cui viviamo.”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.









altri articoli

  • Felicità mondiale

    Da due settimane ad oggi le gioie me le regala solo il calcio, di cui a dire il vero seguo solo i mondiali con un certo entusiasmo. Colpa della...
  • Dolore, egoismo e individualismo

    S’è persa la cultura del dolore come elemento che non può prescindere da noi stessi, che ci deve riguardare perché facciamo parte di una comunità ampia, del così tanto...
  • Pure troppo!

    Va bene, avete perso l’umanità. Almeno non perdete la disumanità. Altrimenti non vi resterà nulla se non il vuoto cosmico. Anzi, per voi razzisti, paurosi, pieni di odio, cattivisti...
  • Miscellanea antipoetica

    Si sta come d’estate, il pianto dei bambini nelle gabbie. Ferisce il mio cuore con monotono languore. Ed è subito lager. (m.s.) foto tratta da Pixabay...