Clang!

Condivido l’opinione di chi ha scritto: “Non sono mai felice quando qualcuno entra in carcere”. Questo pensiero l’ho formulato, tra me e me, ieri sera quando ho ascoltato la...

Condivido l’opinione di chi ha scritto: “Non sono mai felice quando qualcuno entra in carcere”. Questo pensiero l’ho formulato, tra me e me, ieri sera quando ho ascoltato la notizia della sentenza definitiva contro Schettino per il disastro del Giglio.
Penso che sia giusta la sentenza, ma io proprio non riesco ad essere felice.
“Non sei un parente di una delle trentadue vittime”, mi sento ripetere da una vocina che imita l’obiezione che comprendo necessaria per chi ha vissuto quella tragica esperienza.
E’ vero, non lo sono. Non ho vissuto quel dolore e quindi lo rispetto.
Ma io penso che un dolore ulteriore non tolga nulla al dolore che già in questi anni hanno vissuto tutte le persone coinvolte direttamente o indirettamente nel caso in questione.
Per questo non riesco ad essere contento se oggi Schettino è in carcere.
Ma un pensiero alle vittime del naufragio è doveroso, ed è certamente più nobile e onorevole di un sorriso per le sbarre della cella che, con il classico “clang” onomatopeico della serratura che si compone, dove viene infilata la chiave che reclude, sigilla una vicenda che è stata troppo spettacolarizzata.
Così avviene nell’epoca dei processi mediatici e anche dello smantellamento delle navi che naufragano. Dietro alle immagini della grande nave portata a Genova Voltri c’era tutta la tragedia che quella sera ormai lontana è stata vissuta… C’era già tutto lì.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

  • 10 dicembre 2017
    La riscoperta dell’antifascismo, da parte di alcune forze politiche e di moltissimi cittadini, solamente quando è il neofascismo a rialzare la...
  • 9 dicembre 2017
    Se davvero spezzoni della sinistra d’alternativa sia in forma di partito sia in dimensione di soggetti di movimento intende esaminare l’eventualità...
  • 8 dicembre 2017
    Sarebbe davvero interessante conoscere i piani del governo americano che non traspaiono, se non per postulate ipotesi, nella volontà ormai decisa...
  • 7 dicembre 2017
    Come recitava il bollettino della vittoria di Armando Diaz il 4 novembre 1918: “I resti di quello che fu uno dei...
  • 6 dicembre 2017
    Quale popolo? Potere al popolo. L’opzione di una lista popolare, di sinistra antiliberista e anticapitalista creata dal basso cresce in tutta...

altri articoli

  • Tirate i dadi

    L’ex nuovo centrodestra sarebbe in procinto di scindersi: chi andrà con Renzi e chi vuole, invece, tornare tra le braccia del Cavaliere. Considerato che le destre, a vario titolo,...
  • Alla ricerca del posto fisso

    Pare che 4,5 milioni di occupati siano insoddisfatti circa il loro lavoro. E’ una cifra che emerge da uno studio della Fondazione “Giuseppe Di Vittorio” della CGIL. Un elemento...
  • Biden bidon

    Che sollievo! “Putin aiuta la Lega e i Cinquestelle”, afferma l’ex vicepresidente americano Biden. Sembra che Putin aiuti un po’ tutti: Donald Trump, destre europee di vario genere… Sembra,...
  • I perditempo

    Pare che Campo progressista sia imploso per le diverse trazioni tra chi voleva spingersi all’accordo col PD anche senza la repentina calendarizzazione dello Ius Soli in Aula e chi,...