Bokassa di ieri e oggi

40 anni fa Jean Bédel Bokassa si autoproclamava “imperatore” del Centrafrica con una cerimonia napoleonica, degna dei fasti della corte francese di inizio ‘800. Un dittatore sanguinario, uno spietato tiranno...
Jean Bédel Bokassa, il giorno dell'incoronazione ad imperatore del Centrafrica

40 anni fa Jean Bédel Bokassa si autoproclamava “imperatore” del Centrafrica con una cerimonia napoleonica, degna dei fasti della corte francese di inizio ‘800.
Un dittatore sanguinario, uno spietato tiranno ammantato di abiti scintillanti d’oro e brillanti, con uno strascico lunghissimo e una imperatrice al suo fianco. Persino con un erede al trono vestito di tutto punto da piccolissimo militare di carriera, seduto su un pouff rosso.
Bokassa è passato alla storia più per questa cerimonia sfarzosa che per le nefandezze compiute. L’unico merito dell’incoronazione fu la contrapposizione netta tra la sfavillante eccentricità dell’ostentazione del potere con la miseria della popolazione del Centrafrica.
L’impero durò quattro anni appena e aveva come motto: “Unità, dignità, lavoro”. A dimostrazione che proprio coloro che per primi negano certi diritti elementari se ne fanno portavoce a pieni polmoni, incoronandosi protettori unici dei più deboli.
Ogni riferimento a persone e cose o situazioni del tempo presente non è puramente occasionale.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*



altri articoli

  • Arrivarci in tempo

    In fondo posso dire di essere stato sufficientemente intelligente, concreto e cosciente da prevedere cosa fosse Forza Italia e non votarla pensando che fosse “rivoluzionaria”. Avrò sbagliato nel pensare...
  • Ieri, oggi e domani

    Sono tanti i luoghi ideali e fisici dove nasce e cresce il pregiudizio e si alimenta l’odio contro gli omosessuali, contro i transessuali. Sono tanti perché, di contro, sono...
  • Concilio

    Il cosiddetto “Comitato di conciliazione” nemmeno lontanamente è un organo istituzionale e costituzionale. Ma molto più vicinamente ricorda luoghi di discussione usati in un non lontano oscuro passato dittatoriale....
  • Giorni da leone

    Più o meno ha detto così… “Più ci attaccano e più mi sento motivato”. Sarà. “Serve coraggio, non abbiamo bisogno di cuori deboli”. Un discorso muscolare, tenace, indomito. Il...