Arrivarci in tempo

In fondo posso dire di essere stato sufficientemente intelligente, concreto e cosciente da prevedere cosa fosse Forza Italia e non votarla pensando che fosse “rivoluzionaria”. Avrò sbagliato nel pensare...

In fondo posso dire di essere stato sufficientemente intelligente, concreto e cosciente da prevedere cosa fosse Forza Italia e non votarla pensando che fosse “rivoluzionaria”.
Avrò sbagliato nel pensare che l’Ulivo fosse il “meno peggio”. Avrò sbagliato nel ritenere che Rifondazione Comunista potesse avere un ruolo efficace nel coacervo di forze de “l’Unione”.
Ma dopo più di vent’anni dal primo inganno da destra verso sinistra, dopo le sirene ammalianti per operai e casalinghe da parte di Berlusconi, Bossi e affini, non mi sono nemmeno fatto ingannare questa volta pensando che il Movimento 5 Stelle avesse un carattere “rivoluzionario” in sé.
Ne ho riconosciuto i tratti distintivi di destra direi quasi ante-litteram e mi permetto di andarne orgoglioso ma anche di esserne triste vista la brutta fine che hanno fatto tante compagne e tanti compagni che hanno ritenuto di trasferirsi armi e bagagli dal colore rosso al colore giallo.
Ho scritto per anni parlando di “tre destre”, quando anche alti livelli del mio Partito volevano dialogare con i grillini per stabilire un asse impossibile tra forze antifasciste e anticapitaliste e un movimento che è organico al liberismo e funzionale alla “pace sociale”.
Spero che i tanti errori che abbiamo commesso a sinistra, come comunisti, possano essere rimediati ora: ora che ogni orpello è tolto e che ogni velo è levato.
Tre rimangono le destre: due stanno andando al governo del Paese (forse…). E una, unita da una bizzarra esclusione da parti opposte, farà finta di opporsi in Parlamento ai provvedimenti dell’esecutivo.
Tre rimangono le destre.
Manca la sinistra comunista, manca il cuore vero dell’opposizione.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.



  • 17 giugno 2018
    Poche righe scritte per esprimere ancora una volta un personale moto dell’anima d’indignazione e la sensazione di distacco profondo che il...
  • 16 giugno 2018
    La domanda è questa: quando si ripristinerà una sana vergogna civile per quanto accade in Italia in questo momento? La risposta...
  • 15 giugno 2018
    Non è solo questione di impoverimento culturale medio o di una sempre più vasta diffusione di una morale fondata sull’individualismo esasperato...
  • 14 giugno 2018
    La memoria della Resistenza non basta più per fronteggiare la spavalderia dell’incultura razzista, xenofoba, intollerante che monta nel Paese: non è...
  • 13 giugno 2018
    Nella confusione della politica moderna (verrebbe voglia di citare: “la confusione sotto il cielo è grande, ma la situazione non è...







altri articoli

  • Il cruciverba della vergogna

    Incivile, crudele, intriso di odio, pregiudizio, razzismo, xenofobia. Potrebbe essere una definizione multipla per “La Settimana enigmistica”. Il problema sarebbe trovare la soluzione: che si adattino nelle caselle di...
  • L’arte del mondiale

    Lo so che sono un evento di mercato, capitalistico. Forse guardarli è borghese… Pensate che sia l’oppio dei popoli moderno. E certamente lo sono. Ma non sono l’unica droga...
  • Neet Italia

    I giovani tra i 18 e i 24 anni… che belle età! Eppure uno di loro su quattro non studia e non lavora. Li chiamano “neet” e sembra proprio...
  • Per forza

    Oggi inizia il mondiale di calcio. Senza l’Italia. Meglio così, altrimenti qualcuno avrebbe chiesto di chiudere anche gli stadi se non si vince per forza la partita. (m.s.) foto...